rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ex Couver, dalle ceneri dell'incendio ai nuovi campi da tennis e paddle

L'assessore all'urbanistica di Verona Ilaria Segala: «Il progetto prevede lo sviluppo sportivo, secondo quella che era la vocazione originale, sia un ampliamento del vicino centro medico»

Il tennis rimarrà la vocazione principale dell'ex Couver, dove potrebbe sorgere una nuova accademia dedicata proprio alla disciplina sportiva e alla sua nuova frontiera, il paddle. Ed è previsto anche l'ampliamento dell'attiguo centro medico specialistico (Cems). Una proposta a 360 gradi per ridare nuova vita all'area dismessa dopo il terribile incendio del 2017.

L'assessore all'urbanistica Ilaria Segala ha presentato il masterplan redatto dal progettista Federico Castagna, per conto del Cems che ha acquistato l'area all'asta. E ora intende riqualificarla e riaprirla alla città. Un progetto sul quale proprietà e amministrazione comunale si stanno confrontando da mesi, con videoconferenze anche durante il lockdown. Alla presentazione era presente anche il presidente della terza circoscrizione Claudio Volpato.

Su Via Lorenzo Fava, a breve potrebbero sorgere nuovi campi da tennis in sintetico, ma anche su terra, coperti e climatizzati per consentire la pratica sportiva 365 giorni l'anno. Strutture facilmente apribili e fruibili sia d'inverno, contro pioggia e maltempo, ma anche d'estate per ombreggiare il terreno di gioco. Alcune fisse e altre pressostatiche, oltre a spogliatoi e spalti. Così come nuove sale funzionali per un ampliamento dell'attuale centro medico. Il progetto prevede anche nuovi parcheggi e la riqualificazione delle strade attigue con alcune rotatorie.

«C'è chi ha tempo da perdere con le petizioni online facendo credere agli altri che lavora, e chi invece lavora sul serio e risolve i problemi - ha spiegato Segala - Lo dico al consigliere Federico Benini che sa bene come l'asta abbia assegnato l'ex Couver al nuovo proprietario solo ad ottobre 2019. In un anno, con il Covid di mezzo e quindi con la progettazione da rivedere, abbiamo già stabilito cosa ne sarà dell’area. Magari si riuscisse a essere sempre così solerti e questo non è certo per la sua inutile petizione. Risparmi pure tempo e lo faccia risparmiare anche agli altri. Noi stiamo valutando se far rientrare l'intervento nella Variante 29 o se pensare ad un percorso differente, per veder risorgere quanto prima quest'area, un pezzo di storia di Verona. Il progetto prevede sia lo sviluppo sportivo, secondo quella che era la vocazione originale, sia un ampliamento del centro medico, una scelta funzionale anche e soprattutto per la pratica sportiva. Il tutto coincide con lo spirito di questa amministrazione e con le scelte urbanistiche che stiamo facendo, per la riqualificazione e la rigenerazione urbana. Recuperando gli spazi, senza creare nuovi e grossi volumi edificati».
«Verranno riconvertiti i volumi preesistenti - ha spiegato l'architetto Castagna - secondo la necessità di avere delle strutture coperte, con temperatura controllata. Nel progetto abbiamo valutato strutture di ultima generazione, come quelle che si vedono a Nizza, dove c’è un’accademia davvero all’avanguardia. L’obiettivo non è solo giocare con il freddo e il maltempo invernale, ma anche, visto il caldo estivo, ombreggiare i campi e renderli fruibili a qualsiasi ora del giorno».
«La terza circoscrizione conta 64mila abitanti, è la più popolosa e ridare vita a quest’area significa creare uno spazio fruibile da tutti i residenti, oltre che uno strumento in più per incentivare la pratica sportiva - ha aggiunto Volpato - Mi auguro che si arrivi nel più breve tempo possibile a dare il via ai lavori».
Sull’argomento è intervenuto anche il consigliere di circoscrizione Dario Pomari, in particolar modo per smentire polemiche e voci circolate negli ultimi giorni. «Contrariamente a quanto affermano non ho mai annunciato un imminente progetto di riqualificazione del sito dopo il devastante incendio del 2017 - ha detto Pomari - Mi sono invece preoccupato di portare in commissione prima e in consiglio di circoscrizione poi il progetto presentato dal Cems sull'ampliamento del centro medico con nuovi locali adibiti ad ambulatori medici e del relativo parcheggio antistante la struttura sanitaria, approvati in entrambe le sedi istituzionali. Ma ovviamente di questo Benini e Olivieri si guardano bene dal parlarne».

Chiamato più volte in causa per la petizione online promossa per chiedere un'accelerazione alla riqualificazione dell'ex Couver, il consigliere comunale del Partito Democratico Federico Benini ha replicato, insieme a Riccardo Olivieri, segretario del terzo circolo del PD di Verona, e a Sergio Carollo, capogruppo del PD in terza circoscrizione. «L'assessore Segala si è avventurata ancora in promesse sostenendo che esiste già un masterplan "ufficioso" per allargare il Cems mantenendo alcune strutture sportive e che tale piano forse finirà nella Variante 29. Quello che abbiamo verificato è che la circoscrizione, malgrado la maggioranza in linea con quella comunale, era ed è ancora all'oscuro di tutto. Dal parlamentino è passata soltanto una pratica di ampliamento dei parcheggi del Cmes, che non ha nulla a che vedere con l'acquisizione e la riqualificazione del Couver. All'amministrazione chiediamo solamente serietà: se c’è un progetto si condivida anche in via preliminare con la circoscrizione e la commissione consiliare competente».

Sullo stesso argomento

Video popolari

Ex Couver, dalle ceneri dell'incendio ai nuovi campi da tennis e paddle

VeronaSera è in caricamento