Comune di San Giovanni Lupatoto adotta il "Manifesto della comunicazione non ostile"

San Giovanni Lupatoto è il primo Comune del 2020 a firmare il decalogo che promuove l’uso consapevole del linguaggio sul web, tra i punti principali figurano: «Virtuale è reale», «Gli insulti non sono argomenti» e «Condividere è una responsabilità»

Il Comune di San Giovanni Lupatoto - ph Facebook

L’amministrazione comunale di San Giovanni Lupatoto, con la prima delibera approvata dalla giunta l’8 gennaio scorso, fa sapere di aver posto l’attenzione sul valore del linguaggio utilizzato in rete. Un impegno per sensibilizzare all'uso responsabile delle parole scelte e utilizzate sui social «per esprimersi in modo etico senza violenza verbale, contrariamente a quanto accade, invece, sui nuovi social media e sulle piattaforme digitali».

Per questo motivo, l’amministrazione comunale spiega in una nota di aver aderito al "Manifesto della Comunicazione non O_Stile", proposto dall'associazione no profit Parole O_Stili di Trieste. Si tratta di fatto di un vero e proprio «decalogo di principi che mira a diffondere una cultura del linguaggio idoneo a promuovere il rispetto della dignità di ogni persona». 

virtuale è reale

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
I principi del "Manifesto della Comunicazione non O_Stile"

Il "Manifesto della Comunicazione non O_Stile", nato dalla partecipazione di circa 300 professionisti ed esperti della comunicazione e tradotto in 30 lingue, rappresenta un ambizioso progetto sociale già premiato con due medaglie dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e sposato da molte realtà e istituzioni italiane. Una scelta dunque davvero esemplare quella dell'amministrazione lupatotina, circa una problematica di strettissima attualità. Decisione che sarebbe davvero auspicabile venisse presa ad esempio e seguita anche da tutte le altre amministrazioni comunali veronesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Aifa autorizza la sperimentazione sul vaccino anti Covid-19: si farà a Verona

  • Il post Facebook del sindaco di Verona Sboarina sul virus e gli sbarchi dei migranti

  • Scuola, ecco il calendario per il Veneto: si parte il 14 settembre, si chiude il 5 giugno

  • Orologio da 40 mila euro rubato in gioielleria a Verona: padre e figlio in manette

  • Coronavirus: boom di contagiati in Veneto, fra cui pochi veronesi

  • Morto a 37 anni sulla A22, l'appello della moglie: «Cerco testimoni dell'incidente»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento