I luoghi della cultura a Verona: il Teatro Ristori

Con una capienza di 496 posti il Ristori costituisce oggi uno dei principali teatri della città di Verona. Inaugurato nel 1844, restò chiuso per circa 30 anni per essere rinnovato

Il Ristori è uno dei principali teatri della città di Verona, venne aperto nel 1837 e prese solo nel 1856 l’attuale nome in onore di Adelaide Ristori, la più grande attrice italiana dell’Ottocento, la quale proprio sul palco di questo teatro fu capace di conquistarsi applausi ed enorme consenso di pubblico. Il Teatro Ristori divenne nel corso degli anni uno dei più importanti e frequentati teatri cittadini, perfettammente inserito nel tessuto culturale e sociale di Verona, presentando sempre spettacoli di vario genere, dalla prosa all’opera, passando per le marionette, l’avanspettacolo e il varietà. Può inoltre vantare il privilegio di essere stato la sede della prima proiezione cinematografica a Verona.

Il Teatro venne chiuso temporaneamente nelll'anno 1983 in quanto non rispondente alla normativa vigente all'epoca. Il Ristori venne dunque acquistato da Fondazione Cariverona nel 2001 in modo tale che potesse tornare ai suoi fasti e splendori, ricominciando a coinvolgere nuovamente la cittadinanza. L'opera di restauro e rinnovamento dello stabile si concluse a distanza di circa trent'anni dalla chiusura e nel 2011 il Ristori venne ufficialmente riaperto. Dal punto di vista della sua struttura è considerato un alto esempio di architettura teatrale di impianto ottocentesco, tanto che la Soprintendenza per i Beni Architettonici di Verona lo ha ritenuto degno della propria tutela.

Situato nell'omonima via al civico 7, non lontano dal centro di Verona e da piazza Brà, oggi il Teatro Ristori proprone da ormai diversi anni una rassegna ricca di spettacoli teatrali, ma anche danza, proiezioni cinematografiche ed è sede inoltre di conferenze importanti a sfondo culturale. Da diversi anni inoltre ha preso piede anche la rassegna musicale Verona Jazz Winter che coinvolge musicisti di enorme caratura e fama internazionale. Nel corso degli anni sul suo palcoscenico si sono avvicendati moltissimi grandi artisti ed interpreti, da Totò a Gino Cervi, Carlo Dapporto, Renato Rascel, Ugo Tognazzi, Walter Chiari, Dario Fo, fino a Paolo Rossi, Roberto Benigni e, per quanto riguarda la musica, Pietro Mascagni, Domenico Modugno, Paolo Conte, Gino Paoli, Roberto Vecchioni, Chick Corea e persino un rocker come Vasco Rossi.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento