← Tutte le segnalazioni

Altro

Pasticcere veronese crea dolce per raccontare il distacco vissuto durante il lockdown

Viale Vittorio Veneto · Ronco all'Adige

Un pasticciere veronese ha creato un dolce pensando al periodo di isolamento che tutti i cittadini hanno dovuto vivere durante il periodo più critico dell'epidemia di coronavirus. «Dolce distacco» è il nome della sua creazione.

«Mai come ora percepiamo fortemente la solitudine, la mancanza di affetto e la necessità di un abbraccio - scrive il pasticciere - Questo dolce narra la storia del mio rapporto a distanza e di come un semplice gesto abbia avuto la capacità di far sentire la mia vicinanza in questi momenti. L'atto è stato quello di donare alla persona a me cara una creazione che avesse un senso, una storia, un sentimento da raccontare. Attraverso questo dolce, che abbatte le distanze, manda un chiaro messaggio e dimostra quanto sia importante un legame, sono riuscito a trasformare l'allontanamento in una promessa: "Il nostro è solo un momentaneo dolce distacco". Ogni ingrediente che compone Dolce distacco corrisponde per quantità ad un determinato fattore, per esempio la somma totale dei chicchi di riso impiegati rappresenta i chilometri che mi separano dalla persona a me cara. Mentre il pittogramma posto al centro simboleggia l'abbraccio, in grado di consolare, di esprimere profondo amore o amicizia sostituendosi a mille parole».

Il messaggio del pasticcere veronese si conclude con una frase molto significativa per lui: «Una parola può provare a spiegare chi siamo, un gesto cosa vogliamo».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento