Dante, per celebrare i 700 anni dalla morte eventi per tutto il 2021

Verona ricorderà l'importante anniversario insieme a Firenze e Ravenna. Il sindaco Sboarina: «Vorremmo che ogni veronese, giovane o anziano, si lasciasse coinvolgere e appassionare»

 

Un anno di eventi, mostre, spettacoli, convegni e itinerari dedicati al Sommo Poeta e alla sua presenza a Verona. Il 2021 sarà l'anno di Dante Alighieri. A settecento anni dalla sua scomparsa, Verona celebra l'importante anniversario insieme a Firenze e Ravenna.
Il programma scaligero è stato presentato questa mattina, 10 dicembre, dal sindaco Federico Sboarina, dall'assessore alla cultura Francesca Briani e dal vescovo Giuseppe Zenti. Collegati in streaming la professoressa Olivia Guaraldo, delegata del rettore dell'università di Verona, e Maria Ida Gaeta, segretario generale del Comitato Nazionale per la celebrazione dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri. E sono intervenuti anche Francesca Rossi, direttrice dei Musei Civici di Verona e coordinatrice del Protocollo d’intesa dantesco, Arnaldo Soldani, direttore del dipartimento culture e civiltà dell'università di Verona, don Martino Signoretto, vicario episcopale per cultura, università e sociale della diocesi, e Carlo Mangolini, direttore artistico degli spettacoli del Comune di Verona.

Logo Dante a Verona-2

«Un secolo fa, per i 600 anni della morte di Dante, Verona non era tra le città dantesche - ha detto il sindaco - Oggi, con grande orgoglio, ristabiliamo il ruolo che la terra scaligera ebbe nella vita del poeta. Anche grazie a uno dei protagonisti indiscussi della storia veronese, Cangrande della Scala. Insieme a Firenze e Ravenna celebreremo questo anniversario che ha una valenza culturale internazionale. Una ricorrenza, dunque, importantissima per il nostro Paese ma anche per il resto del mondo, perché Dante è una figura di riferimento per tutta la letteratura, è un'icona a livello planetario. E la nostra città è stata parte di quella storia, di quella vita, ha lasciato un segno tangibile nell'immenso patrimonio artistico dantesco. La nostra città sarà al centro dell'attenzione per un intero anno, e il livello delle proposte culturali testimonia il ruolo di Dante nella storia della nostra letteratura e cultura, ma anche nella vita popolare dell’epoca. Ecco perché un programma di eventi e manifestazioni così ricco, in grado di raggiungere chiunque. Vorremmo che ogni veronese, giovane o anziano, si lasciasse coinvolgere e appassionare dalle tante iniziative e che questo anno dantesco lasciasse una traccia nella vita di ogni italiano».
«L'augurio è che Dante possa entrare nelle nostre case, oltre che in tutte le scuole - ha affermato il vescovo Zenti - Non esiste al mondo altro poeta alla pari di Dante. Le sue opere non devono rimanere nei cassetti e nelle biblioteche, vanno lette e studiate con grande passione. Non possiamo che essere orgogliosi che Verona sia partecipe dei festeggiamenti, perché nella nostra città Dante ha composto l’ultima cantica, la terza, quella del Paradiso. E non poteva che essere così. La Divina Commedia non deve più essere solo un argomento scolastico ma deve entrare nella vita di ognuno di noi, lasciando una traccia. E poi, proprio in quest’anno dantesco, sarebbe interessante che a partire dalle scuole si valorizzasse la lingua italiana, la sua storia e bellezza».
«Un programma ricchissimo racconterà Dante a Verona ma anche la Verona di Dante. Un legame che si snocciola tra piazze, strade e chiese perché la nostra città è ricca di testimonianze - ha concluso Briani - Grazie all'importante collaborazione tra numerose istituzioni e associazioni culturali del territorio, abbiamo messo insieme un calendario di iniziative in grado di attrarre un pubblico estremamente diversificato. Non solo studiosi e appassionati, abituati a confrontarsi su queste tematiche, ma aperto ai giovani, a tutti i veronesi che vorranno lasciarsi coinvolgere. Un’occasione importante anche per sostenere un comparto, quello degli spettacoli, che sta soffrendo tanto a causa della pandemia e che vogliamo, quanto prima, rivedere dal vivo».

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento