menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via libera ai lavori per la Fiera, nessuno stop per il traforo

Il consiglio comunale ha approvato il piano di interventi per viale del Lavoro e ha invece bocciata la mozione della minoranza che chiedeva l'arresto dei lavori sulle Torricelle

Con 22 voti a favore e 10 astenuti il consiglio comunale ha approvato l’accordo di programma fra Comune e Ente autonomo Fiere di Verona per la riqualificazione dell’area fieristica sita in viale del Lavoro. La proposta di progetto presentata dalla Fiera si articola in sei sezioni di riqualificazione e potenziamento dell’area, delimitata da viale del Lavoro, via Roveggia e via Scopoli, con accesso a sud da viale dell’Industria.

COSA CAMBIERA' - Il progetto, in sintesi, prevede: sostituzione dell’attuale ingresso San Zeno con un nuovo edificio più funzionale e sviluppato su due livelli; realizzazione di due padiglioni a sud in allineamento con il PalaExpo; completamento dell’asse di comunicazione nord-sud attraverso la realizzazione di una pensilina di raccordo tra i padiglioni 10-11 e il padiglione 8; valorizzazione dell’area sud-est con l’inserimento di un nuovo edificio per l’ingresso del pubblico da viale dell’Industria; realizzazione di un parcheggio posto nell’angolo sud-est per una superficie di circa 19 mila mq; completamento del padiglione 11 nella porzione d’angolo a sud-ovest dell’edificio esistente.

NULLA DI FATTO - Con 10 voti a favore e 20 contrari il consiglio comunale ha invece respinto la mozione “Traforo delle Torricelle: sospendere l’iter dell’opera e fare trasparenza” presentata dai consiglieri comunali di PD, SEL, M5Stelle. La mozione impegna sindaco e giunta a rendere disponibile ai consiglieri comunali tutta la documentazione relativa al traforo; a sospendere l’iter amministrativo fino al’approvazione del piano generale del traffico urbano; a rendere pubblici gli investitori, il piano economico finanziario, il parere della società Rina Ceck srl, i compensi spettanti al responsabile unico del procedimento; predisporre lo studio e il parere sismico; a rendere nota la convenzione sottoscritta; a verificare i reali finanziamenti previsti; a rendere pubblica la nuova composizione dell’ATI; a verificare la validità delle analisi previste nello studio di fattibilità; a sottoporre a verifica gli aumenti richiesti per la realizzazione dell’opera.

IL COMMENTO - “Sul diritto di accesso agli atti da parte dei consiglieri comunali –ha spiegato l’assessore alla Viabilità- prevale il diritto di preservare il segreto durante le procedure di gara e attualmente è ancora in corso la fase di negoziazione delle migliorie; successivamente, completati altri passaggi amministrativi previsti dalla legge e sottoscritta la convenzione, sarà possibile consentire ai consiglieri l’accesso agli atti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento