menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verona, entro 10 anni tutti i cittadini potranno dichiarare all'Anagrafe la volontà di donazione organi

Dal primo marzo con il rinnovo o il rilascio della carta d'identità verrà chiesto la decisione. L'obiettivo? Quello di aumentare in maniera significativa il numero dei donatori. Sarà possibile in ogni momento cambiare la propria scelta

A partire dal primo di marzo, al momento del rilascio o del rinnovo della carta d’identità, sarà chiesto a tutti i cittadini maggiorenni di esprimere la propria volontà sulla donazione degli organi. Lo ha deciso questa mattina la Giunta comunale su proposta del sindaco Flavio Tosi. “Grazie a questo nuovo servizio – ha spiegato Tosi - nell’arco di dieci anni tutti i cittadini potranno dare il proprio consenso o diniego alla donazione di organi. L’obiettivo è quello di aumentare in maniera significativa e certa il numero dei donatori, opportunità di altissimo valore sociale ma anche di essenziale importanza. Verona sarà così il primo Comune del Veneto ad affiancarsi agli altri Enti preposti per la raccolta delle dichiarazioni di volontà”.

I dati raccolti dall’Ufficio Anagrafe del Comune saranno trasmessi al Sistema Informativo dei Trapianti (SIT), che inserirà in un’unica banca dati le volontà espresse dai cittadini, consultabili da parte dei Centri di coordinamento regionale dei trapianti. Per tutti i cittadini sarà possibile in qualsiasi momento modificare la volontà precedentemente espressa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento