Un morto nel canale Bussé: si tratta di un 46enne residente a Legnago

Il macabro ritrovamento è avvenuto questa mattina, sabato 21 novembre, da parte di un passante verso le ore 8:30. Una volta avvertite le forze dell'ordine, è subito scattato l'allarme e le conseguenti procedure per il recupero del corpo

Immagine di repertorio

L'episodio risale alla mattina di oggi sabato 21 novembre, quando verso le ore 8:30 un passante ha visto gallegiare nelle acque del Bussé un cadavere. Il corso d'acqua che unisce Legnago ad Angiari scorre al fianco della strada provinciale e di una pista ciclabile annessa. Anche per questo le ipotesi al momento sono tutte in corso d'accertamento: potrebbe essersi trattato di un incidente, una svista, una perdita di equilibrio, oppure di un gesto estremo o un malore improvviso.

Il passante reduce dalla spiacevole scoperta, così come riferisce l'Arena, si è subito precipitato alla vicina caserma della Polizia di via del Pontiere, raccontando quanto aveva visto e facendo così scattare le operazioni per il recupero del corpo. Il cadavere che è stato recuperato dai sommozzatori dei Vigili del Fuoco di Venezia è di un 46enne che viveva a Legnago. Sul posto sono giunti anche gli Agenti della Polizia Stradale, oltre ai Vigili del Fuoco, i Carabinieri di Legnago e i mezzi del 118.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una città intera in lutto: si è spento Roberto Puliero e Verona perde la sua voce

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Sbanca a L'Eredità, dipendente comunale pensa ai colleghi in difficoltà

  • Il cordoglio della politica veronese per la scomparsa di Roberto Puliero voce della città

  • Maltempo a Illasi: «Situazione ancora critica, preoccupa il livello del Progno»

  • Madre e figlia dirette a Londra arrestate all'aeroporto Catullo dalla polizia

Torna su
VeronaSera è in caricamento