Accordo tra Agsm, Aim e A2A, +Europa: «Rischio subalternità per Verona»

Giorgio Pasetto: «Si continua a sostenere la "svendita" di Agsm, senza spiegare il perché. Comincia a destare sospetti, tanta insistenza: una scelta così ostinata deve avere delle ragioni che non si vogliono comunicare»

Giorgio Pasetto

«A quanto pare, Comune di Verona e dirigenza non vogliono sentir ragioni e continuano a sostenere la "svendita" di Agsm ad A2A, come scelta migliore, anzi naturale. Senza spiegare il perché. Comincia a destare sospetti, tanta insistenza: una scelta così ostinata deve avere alle spalle delle ragioni che evidentemente non si vogliono comunicare». Il rappresentante veronese di +Europa Giorgio Pasetto continua ad esprimere la propria contrarietà alla realizzazione del piano industriale che prevede la fusione tra le due aziende partecipate più importanti di Verona e Vicenza, Agsm e Aim, con i lombardi di A2A come terzo partner. Per Pasetto, come per altri, la via migliore per Agsm è quella di fondersi con Aim, ma trovando un terzo attore di dimensioni paragonabili a quelle di Agsm. A2A, infatti, viene visto come un colosso che fagociterebbe Agsm e Aim. «Una perdita totale di identità territoriale e un prospettiva di subalternità nelle scelte future di politica energetica», questo è il rischio che corre Verona, secondo Pasetto, che prosegue: «Senza parlare delle politiche di smaltimento dei rifiuti, sulle quali l'amministrazione deve una volta per tutte essere chiara, senza dare il sospetto di voler semplicemente "passare la mano". Sindaco e maggioranza continuano a respingere la proposta di indire una gara pubblica. Perché questa levata di scudi?».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La gara pubblica non si farà, come votato dal consiglio comunale, ma Agsm e Aim hanno iniziato un'indagine di mercato per mettere a confronto la proposta di A2A con quelle di altre aziende del settore. Nel frattempo, però, non solo i politici vogliono conoscere i dettagli del piano industriale di Agsm-Aim-A2A. Anche gli industriali e gli ingegneri veronesi chiedono un confronto ad Agsm, perché temono che l'accordo possa generare perdite nell'indotto economico che ruota attorno alla partecipata veronese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 10 al 12 luglio 2020

  • Perde il controllo della moto, esce di strada e muore sulla Transpolesana

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Omicidio Micaela Bicego, trovata mannaia nello zainetto della vittima

  • Coronavirus: in Veneto nuovi casi positivi e ricoveri, 4 morti di cui 3 sono a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento