Tabacco, i produttori battono cassa a Bruxelles

L'assessore regionale all'Agricoltura Manzato: "La proposta della tabacchicoltura veneta unitaria"

Tabacco, i produttori battono cassa a Bruxelles

La proposta della tabacchicoltura veneta è unitaria e di tutta la filiera; sono i produttori i veri protagonisti; lo deve capire anche la Comunità Europea. Ci presenteremo unitariamente a Bruxelles per far valere le nostre ragioni”. Lo ha ribadito questa mattina l’assessore all’agricoltura del veneto Franco Manzato, intervenendo a Bovolone, in provincia di Verona, al convegno organizzato da Coldiretti su “La tabacchicoltura italiana: tra opportunità e prospettive”. Nel settore del tabacco la produzione veneta occupa in Italia un ruolo di primo piano, per quantità, qualità, valore economico: circa 400 imprenditori coltivano quasi 8 mila ettari per 26 mila tonnellate di prodotto all’anno.

La filiera realizza un valore pari a 62 milioni di euro annui, coltivando prevalentemente Virginia Bright, varietà ricercata dalle multinazionali. Il comparto dà occupazione a circa 17 mila addetti, sia nelle lavorazioni in campo sia nelle manifatture. Il negoziato per il tabacco relativo alla Misura 214 (Gestione agrocompatibile delle superfici agricole) ha visto impegnato anche il Veneto ai tavoli comunitari. “La Commissione Europa – ha ricordato Manzato – ha un modo di concepire i problemi molto formale, che a volte pare slegato dalle esigenze sociali e del territorio e che mette di fronte ad una barriera di norme e regolamenti. Noi ci siamo trovati davanti a due funzionari con due posizioni diverse sull’interpretazione da dare rispetto ad un settore ancora frainteso. Sulle misure agro ambientali a sostegno dei produttori ancora non ci siamo, mentre dobbiamo essere consapevoli che il cosiddetto libero mercato mondiale darà una mano al comparto solo se ci sarà anche il sostegno al reddito”.


Ci presenteremo nuovamente all’Unione Europea – ha concluso Manzato – e lo faremo unitariamente. Non prometto nulla, non è il mio stile, ma la qualità del nostro prodotto e dei nostri produttori ci danno la forza per tenere alto il livello delle richieste. Nel contempo muoveremo altri strumenti finanziari, come le Misure 121 e 144 del PSR, finalizzate alla ristrutturazione e conversione del settore”.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento