Antichi modi di dire veronesi: a ònsa a ònsa

Espressione che si usa nel contesto medico per una guarigione o una convalescenza lenta. In italiano la si può tradurre con "a poco a poco"

Semi da cui si ricava l'olio di ricino

Lo si sente usare raramente ormai e lo si può tradurre con l'italiano "piano piano" o "a poco a poco". Il contesto più corretto in cui utilizzare l'espressione dialettale "a ònsa a ònsa" è quello medico. La si usa per la guarigione o per una convalescenza lenta di un paziente. Un tuo amico o un tuo parente era malato e adesso si sta riprendendo, ma non rapidamente, quindi a ònsa a ònsa.

La stessa origine dell'espressione è legata al contesto medico. La ònsa è l'oncia, un'unità di misura che attualmente utilizzano giusto i barman. Un'oncia equivale a 28,35 grammi ed era l'unità di misura indicata per una dose di olio di ricino. Ora non lo si usa più, ma fino a non molto tempo fa l'olio di ricino era utilizzato come lassativo. Il suo effetto però era troppo forte e per questo non bisognava abusarne. Era stata quindi trovata la dose ideale per una purga in un'oncia di olio di ricino. E quando era ancora disponibile l'olio di ricino in farmacia, lo si comprava proprio a once.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Cazzano di Tramigna, manifestazione anti accoglienza. "La gente è stufa"

    • Politica

      Referendum autonomia Veneto, Tosi: "14 milioni di euro per esprimere un'opinione"

    • Cronaca

      Spacciava cocaina in centro storico a Verona, finisce agli arresti domiciliari

    • WeekEnd

      Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 28 al 30 luglio

    I più letti della settimana

    • Storie di fantasmi nella provincia veronese: la dama di Concamarise

    • Verona, provincia fortificata: il Forte Masua in Valpolicella

    • Miti e leggende della città di Verona: la congiura a Castel San Pietro

      Torna su
      VeronaSera è in caricamento