Melegatti, la burrasca non è passata. Manca un accordo per la Pasqua

Il fondo maltese che ha salvato l'azienda in crisi di liquidità vorrebbe entrare nel capitale sociale, ma ancora non è stata trovata l'intesa con i soci di maggioranza

La mini campagna natalizia di Melegatti è andata a gonfie vele. L'obiettivo dell'azienda veronese in crisi di liquidità è stato raggiunto e anche lo spettro della cassa integrazione prima dell'inizio della nuova produzione per i dolci di Pasqua è stato scacciato. Il lavoro del procuratore generale Luca Quagini all'interno dell'azienda si è concluso con un successo e quindi il direttore generale ha levato le tende, mettendo però tutti in guardia: il piano per il rilancio dell'impresa non è del tutto scontato.

Il piano finora è risultato vincente ma sta in piedi solo grazie alla liquidità del fondo maltese che vorrebbe subentrare nel capitale sociale della Melegatti. Il problema è che la trattativa tra il fondo e i soci di maggioranza dell'azienda non si è ancora conclusa con un accordo, come scritto su L'Arena. E senza questo accordo, il finanziamento per la produzione per le prossime festività pasquali potrebbe saltare. Produzione che comunque ancora deve avere il via libera del tribunale di Verona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva il maltempo in Veneto, pioggia e neve: "Stato di attenzione" della protezione civile

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 17 al 19 gennaio 2020

  • Operaio morto sul lavoro a Legnago, assolto rappresentante dell'azienda

  • Tocca con la motosega i cavi dell'alta tensione: non c'è stato scampo per il 46enne

  • Persona investita da un'auto, trasportata d'urgenza in ospedale: è grave

  • Investimento sui binari: circolazione dei treni sospesa sulla Verona-Bologna

Torna su
VeronaSera è in caricamento