Melegatti, 1.500.000 di pandori e panettoni prodotti: "Obiettivo raggiunto"

L'azienda "ringrazia i consumatori per il grande affetto dimostrato e tutti coloro che hanno contribuito a questo piccolo grande successo. Stiamo già lavorando per la predisposizione del piano di Pasqua"

Nonostante le caratteristiche di urgenza che hanno contraddistinto il minipiano di Natale, siamo orgogliosi di poter comunicare ufficialmente che l’obiettivo prefissato è stato raggiunto. Nelle tre settimane di lavoro sono stati prodotti più di 1.500.000 pandori e panettoni, distribuiti su tutti i punti vendita nazionali, garantendo una copertura minima ma completa ed in linea con quanto fatto negli anni precedenti.

Dopo i problemi delle scorse settimane, con il rischio chiusura e il seguente salvataggio, Melegatti può tirare un sospiro di sollievo. Nella nota diffusa, la stessa azienda veronese fissa già l'obiettivo delle prossime festività pasquali per rimettersi definitivamente in carreggiata.  

La chiusura della produzione natalizia è avvenuta il giorno 11 dicembre (un giorno in più di quanto previsto) e nei giorni successivi si sono ultimate le fasi di confezionamento e spedizione. Il forte rischio logistico legato alla distribuzione, nonostante l’intensa richiesta pervenuta, non ha consentito di proseguire ulteriormente.
Il procuratore generale nominato dal Consiglio di Amministrazione, il Dott. Quagini, ha terminato quindi il suo incarico con esito positivo.
Stiamo già lavorando per la predisposizione del piano di Pasqua che verrà affidato a nuove forze e permetterà all’Azienda di compiere un altro fondamentale passo verso il completo risanamento.
Melegatti ringrazia i consumatori per il grande affetto dimostrato e tutti coloro che hanno contribuito a questo piccolo grande successo e ribadisce la volontà di tutelare la storia e il futuro dell’azienda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: l'Esu di Verona chiude «aule studio, ristoranti e zone pertinenti»

  • Morto a 53anni sulla A22: forse un colpo di sonno la causa dello schianto

  • Coronavirus. Dopo il chiarimento della Regione, ecco cosa è ammesso a Verona e cosa no

  • Musicista torna in Molise da Verona: «Per il coronavirus, prevenzione bassa»

  • Lessinia e Valpantena, ci sono offerte di lavoro ma sono senza risposta

  • Auto si schianta contro un tir sulla A22: perde la vita un uomo di 53 anni

Torna su
VeronaSera è in caricamento