Spugna e rastrello, 36 ore di servizio sociale per i writers

Presentati i risultati dell'indagine che ha coinvolto 47 ragazzi di cui 18 maggiorenni e i genitori

Spugna e rastrello, 36 ore di servizio sociale per i writers

Sono stati presentati ieri mattina, a palazzo Barbieri dal sindaco di Verona Flavio Tosi, i risultati dell’indagine denominata “Valpantena writers”, condotta dal Comando provinciale dei carabinieri di Verona e dai militari della stazione di Grezzana, che ha consentito, grazie alla collaborazione del Comune di Verona, Amia, il Tribunale dei minori di Venezia e Procura di Verona, di far svolgere un percorso riparatorio e risarcitorio, di 36 ore di lavori socialmente utili, a 28 dei 47 ragazzi (40 maschi e 7 femmine), accusati di aver imbrattato proprietà pubbliche e private, tra le quali l’Arco dei Gavi e villa Pullè, in alcuni territori della provincia e soprattutto del comune di Verona.

Ai giovani, tra i quali 18 minorenni, è stato infatti proposto di aderire al percorso di riparazione sociale, affiancando gli operatori di Amia durante le loro operazioni di pulitura di mura e monumenti, ma anche di sistemazione del verde. Il percorso di riparazione, responsabilizzazione e risarcimento è stato costruito ed attivato per i minorenni attraverso un accordo tra il Tribunale per i minori di Venezia e l’ufficio servizio sociale del Centro giustizia Minorile di Venezia. La finalità del progetto è stata quella di responsabilizzare ciascun giovane, anche attraverso l’assunzione diretta di responsabilità in ordine ai fatti di danneggiamento a lui contestati, impegnare ciascun giovane a fare azioni concrete e visibili, attivando le sue risorse personali positive, per riparare il danno arrecato, attraverso lo svolgimento di una attività socialmente utile con compiti di igiene ambientale; impegnare ciascun giovane, anche con il coinvolgimento dei genitori, ad attivare un risarcimento economico simbolico del danno arrecato.

Il percorso ha coinvolto anche i genitori dei giovani, attraverso colloqui specifici con gli stessi, al fine di favorire la presa di coscienza e la responsabilizzazione della famiglia, rispetto agli episodi di danneggiamento contestati- ha spiegato Tosi- per questo ringrazio l’ex assessore Mario Rossi che, durante il suo mandato, ha effettuato incontri individuali durante i quali, ciascuno dei giovani coinvolti, si è assunto la responsabilità rispetto alle scritte realizzate, ha rafforzato la comprensione del danno arrecato e del concetto che il bene comunale è un bene di tutti i cittadini e come tale va preservato e tutelato”.


“La Giunta comunale- ha concluso Tosi- ha già individuato uno spazio apposito da mettere a disposizione di quanti vogliano esprimere la propria vena creativa realizzando murales artistici, altre aree verranno successivamente individuate in zone, magari degradate, che possano trarre beneficio da questo tipo di iniziative”.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento