Sicurezza via web, parte il concorso nelle scuole veronesi

Favoriti gli studenti scaligeri di elementari e superiori. Nel 2009 furono i primi di tutta Italia

Sicurezza via web, parte il concorso nelle scuole veronesi

Si rinforza con l’ultima iniziativa del Ministero dell’Istruzione, il rapporto tra le scuole della provincia e la polizia di Verona. “Il poliziotto: un amico in più” continua, unico in tutto il Veneto, con il concorso dedicato alla sicurezza informatica e alla prevenzione sulla navigazione web per gli studenti delle elementari con “Attraverso il web, noi…”, e agli alunni delle superiori con “Se noi fossimo l’Agente Lisa…”. A presentare il concorso, nelle sale della questura i dirigenti dell’Ufficio scolastico provinciale, dell’Unicef di Verona e gli agenti della polizia postale e dell’Ufficio Relazioni esterne. “Il concorso è all’undicesima edizione e ha come tema la sicurezza di internet. Attraverso i vari tipi di elaborati cercheremo di potenziare la capacità di utilizzare il computer in maniera consapevole per scoprire anche i vari rischi che si annidano con l’uso improprio di uno strumento così importante. L'invito per la partecipazione è esteso a tutte le scuole della provincia e stiamo raccogliendo numerose adesioni”. Oltre ai pericoli di truffe informatiche, il cosiddetto phishing, l'opera di sensibilizzazione mira a chiarire le criticità in materia di adescamento, frodi, droga e pedopornografia.

Tre le categorie del concorso per le scuole primarie: le opere letterarie con la redazione di testi giornalistici, saggi e racconti, le arti figurative con manifesti, disegni e plastici tridimensionali, e la categoria tecniche multimediali che prevede la realizzazione di presentazioni, ricerche e inchieste filmate con la videocamera. Per gli studenti delle superiori, il progetto “Se noi fossimo l’Agente Lisa…” prevede la programmazione di un blog e le relazioni via web attraverso l’immedesimazione in un poliziotto.


Dopo la valutazione degli elaborati, i giovanissimi vincitori verranno invitati a Roma in occasione della premiazione nazionale a cui saranno presenti il ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini e dell'Interno, Roberto Maroni. Gli studenti veronesi restano tra i favoriti, dato che, nell’edizione 2008-2009 del concorso, i piccoli partecipanti provenienti dal comprensorio scaligero si sono classificati contemporaneamente al primo e al terzo posto, e sono stati ospitati nella capitale per due giorni dal Ministero dell’Interno.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento