rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Interviste

Camploy, continua la rassegna teatrale shakespeariana

Sabato 18 febbraio andr in scena lo spettacolo tratto dai testi di Shakespeare e da Emilio Gadda

Con L’ingegner Gadda va alla guerra, spettacolo tratto da testi di Carlo Emilio Gadda e dall’Amleto di Shakespeare, prosegue, sabato 18 febbraio al Teatro Camploy,  continua la rassegna "L'altro teatro" organizzata dall'Assessorato alla cultura del comune di Verona in collaborazione con Arteven e con il sostegno della regione del Veneto e del Ministero per i beni culturali.

Protagonista dello spettacolo è Fabrizio Gifuni. “Immagino Gadda – spiega Gifuni – come un Amleto non più giovane, solo, senza più un padre o una madre da invocare o da maledire, sempre più debole di nervi, collerico. Solo con i suoi fantasmi, è un Amleto sull’orlo di una follia tragica eppure, a tratti, comicissima, che parla una lingua squassata da lampi di puro genio proteiforme.


Un Amleto che ha molto di Pirobutirro (protagonista della Cognizione del dolore di Gadda) e che riavvolge il nastro delle sue nevrosi camminando a ritroso nella memoria. Una discesa agli inferi che riapre antiche ferite, mai rimarginate. Fino ad arrivare alla ferita originaria: la partecipazione di Gadda al primo conflitto mondiale, la disfatta di Caporetto, la detenzione nei campi di prigionia tedeschi e la morte del fratello Enrico. Scritti dall’assai scomodo osservatorio delle trincee, i suoi Diari di guerra e di prigionia squarciano il velo su qualsiasi retorica patriottarda per farsi atto d’amore autentico e doloroso.“

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Camploy, continua la rassegna teatrale shakespeariana

VeronaSera è in caricamento