Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Blog Veronetta / Via Venti Settembre

Tre mostre imperdibili da visitare gratis a Verona nei mesi di ottobre e novembre

Tre mostre eccezionali in città a Verona, visitabili gratuitamente anche a novembre: la galleria Studio la Città ospita le opere dell'artista tedesco Michael Najjar, la Galleria La Giarina i dipinti di Vasco Bendini, mentre alla Fonderia 20.9 c'è il fotoprogetto Gone to the dogs

OUTER SPACE - Inaugurata il 26 settembre scorso la mostra "Outer Space" resterà visibile fino al 15 novembre a Verona, presso la Galleria Studio La Città di Lungadige Galtarossa, 21. L'artista di origini tedesche Michael Najjar, nato nel 1966, ha già esposto le sue opere video e fotografiche in Spagna, ottenendo un grandissimo riscontro di pubblico. Nell'ambito della sua attività artistica, ricorrono spesso temi legati alla trasformazione del mondo attraverso la tecnologia: in particolare per quanto riguarda "Outer Space", il progetto nasce dall'esperienza diretta di Najjar all'interno del centro Gagarin per cosmonauti in Russia, dove l'artista sta frequentando un percorso di esercitazione per diventare astronauta. Le opere esposte documentano tale sorprendente iniziativa, dando anche testimonianza delle ultimissime innovazioni della tecnologia spaziale. La mostra è visitabile gratuitamente dal martedì al sabato, dalle ore 9.00 alle 13.00 e dalle 15.30 alle 19.30.

INTERROGARE LA MATERIA - La mostra personale del pittore Vasco Bendini è stata inaugurata il 10 ottobre e sarà visibile fino al 27 febbraio del prossimo anno, presso la Galleria La Giarina in via Interrato Acqua Morta 82. Vasco Bendini, nato a Bologna nel 1922 e scomparso a Roma poco tempo fa, è un artista dalle molte implicazioni: l'attrazione per la materia, i suoi misteri arcaici e le proprietà vitali di trasformazione intrinseca che la caratterizzano, costituisco il fil rouge di questa esposizione. Si tratta di 25 tele che attraversano tutta la vasta produzione dell'artista: a partire da quelle degli anni '50 che rivelano il movimento stesso quale fulcro della materia, processo in atto del pensiero che si fa gesto pittorico sensibile. I dipinti degli anni '60 rivelano invece una maggiore attenzione rivolta direttamente verso le "cose" stesse: oggetti d'utilizzo quotidiano vengono raffigurati spogliati del loro valore d'uso, colti nella loro intrinseca "povertà" per rivelarne un'inaspettata ricchezza sensibile. La materia pittorica incontra allora anche altre "forme" materiche, quali polveri di metalli e pagliericcio, in un sodalizio che ne rivela la comune appartenenza alla deiscenza carnale del mondo. La mostra è visitabile gratuitamente tutti i giorni, tranne il lunedì e festivi, dalle ore15.30 alle 19.30.

GONE TO THE DOGS - Doppia inaugurazione venerdì 23 ottobre: nasce a Verona "Fonderia 20.9", un nuovo spazio espositivo dedicato alla Fotografia con l'intento di promuovere nuovi progetti raccontati dagli autori stessi. Per l'occasione sarà inaugurata alle ore 19.00 una mostra di opere realizzate dal Collettivo Domino, un gruppo di otto fotografi di formazione e provenienza differenti. Il loro progetto, Gone to the dogs/ In pasto ai cani, si propone esplicitamente l'intento di riattualizzare un episodio della storia italiana: durante il regime fascista molti uomini subirono una dura repressione, venendo spesso schedati e confinati perché omosessuali. Il fotoprogetto in questione, si occupa nello specifico della vasta operazione di confino compiuta a Catania nel 1939, quando moltissimi cosiddetti "arrusi" furono confinati sull'isola di San Domino delle Tremiti. Una vicenda di cui resta poco anche nel ricordo degli stessi abitanti del posto, e che Gone to the dogs si propone invece di lasciar riaffiorare nella memoria collettiva. La violenza della prigionia e della repressione, trova dunque il suo contraltare nella magnificenza di luoghi paradisiaci, all'interno dei quali hanno tuttavia trovato posto anche la paura e la vergogna di uomini giudicati da altri uomini e poi dimenticati. L'esposizione è visibile gratuitamente a partire dalle 19.00 di venerdì 23 ottobre e fino al 10 novembre.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tre mostre imperdibili da visitare gratis a Verona nei mesi di ottobre e novembre

VeronaSera è in caricamento