Back to the Future. Verona e il digitale tra passato, presente e futuro: corsi digitali per ragazzi

Sbarcano a Verona per la prima volta i corsi digitali di H-FARM dedicati a bambini e ragazzi: 6 appuntamenti per ripercorrere la storia della città tra storytelling e tecnologia che, grazie al sostegno della Fondazione, saranno gratuiti per tutti

Immagine generica

Imparare la storia di Verona attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie e allo stesso tempo acquisire nuove competenze digitali, più che mai fondamentali nel mondo di oggi: questi sono solo alcuni degli obiettivi che si pone il progetto educativo “Back to the Future: Verona e il digitale tra passato, presente e futuro”

Un’iniziativa che nasce dalla sinergia di Fondazione Cariverona e H-FARM, che hanno unito da un lato l’estesa rete sul territorio veronese, dall’altro l’expertise in campo formativo legato al mondo digitale, per una serie di laboratori gratuiti per bambini dagli 8 agli 11 anni che si terranno il sabato pomeriggio, a partire dal 12 ottobre, presso il Children’s Museum di Verona. Esplorare l’epoca romana di Verona imparando la programmazione attraverso Minecraft, raccontare storie (come quella tra Romeo e Giulietta) imparando a girare un cortometraggio, ripercorrere l’arte di Paolo Veronese e l’architettura dei palazzi storici della città approcciandosi ai fondamenti di robotica, fino alla musica digitale per avvicinarsi alla lirica che fa grande l’Arena: questo il percorso che hanno ideato gli educatori del team Sparx di H-FARM, seguendo l’approccio “learning by doing” - imparare divertendosi - per permettere ai bambini di apprendere nuove competenze digitali mentre giocano e si divertono tutti insieme. Ogni appuntamento ripercorre quindi la storia della città scaligera, nelle tappe che più hanno caratterizzato e distinto la sua evoluzione, in un continuo confronto tra passato e futuro. 

“L’evoluzione del nostro sistema formativo passa necessariamente dall’innovazione in un rinnovato e confidente rapporto tra gli studenti e la tecnologia. – dichiara il Presidente di Fondazione Cariverona Alessandro Mazzucco – Questo ineludibile processo fa parte di un naturale percorso di crescita e anche per questa ragione abbiamo voluto, con gli amici di H-FARM, collegarci idealmente alle storiche iniziative editoriali della Cassa di Risparmio, con le sue collane rivolte a meglio far conoscere Verona ai veronesi, ragazzi, genitori, insegnanti, per riprenderne in una ideale staffetta il testimone, rilasciando con questi laboratori offerti alla città e ai suoi giovani studenti una prima concreta esemplificazione di quelle che possono essere oggi le strade per accedere alle nuove e imprescindibili competenze.”

“Abbiamo una responsabilità importante nei confronti delle nuove generazioni”- Commenta Riccardo Donadon, fondatore e AD di H-FARM – “Dobbiamo fornire loro gli strumenti adeguati perché siano pronti ad affrontare il cambiamento imposto dalla trasformazione digitale. Con la Fondazione Cariverona ci siamo trovati d’accordo su questo obiettivo e abbiamo unito le forze per offrire ai ragazzi dei laboratori che vanno in questa direzione. Siamo davvero felici poi di fare qualcosa per la prima volta qui, nella splendidaVerona, e portare maggiore consapevolezza su questi temi a tutta la città"

I laboratori, ognuno per un massimo di 25 partecipanti, si terranno il 12 e 26 ottobre e il 9, 16 e 23 novembre per concludersi il 7 dicembre con un grande evento in programma allo Spazio San Pietro in Monastero che vedrà coinvolti tutti i bambini che hanno partecipato. 

Le iscrizioni per il primo appuntamento di sabato 12 ottobre sono attive a questo link: https://h-farm.link/backtothefuture

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • La vera storia di Santa Lucia, secondo la leggenda nata a Verona

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

Torna su
VeronaSera è in caricamento