Pedemontana, passa l'addizionale Irpef. Salemi: "La Regione ha fallito"

Per completare la strada, la Regione tasserà i cittadini con redditi superiori ai 28 mila euro. Le opposizioni rinnovano le critiche: "Zaia scarica i suoi errori sui cittadini"

27 a favore e 8 contro. Con questa votazione il Consiglio regionale del Veneto ha introdotto l'addizionale Irpef per tutti i cittadini veneti per completare la Pedemontana. Come spiegato in lungo e in largo dal presidente Zaia, la nuova tassa non colpirà proprio tutti, ma sarà applicata per scaglioni di reddito: per chi guadagna meno di 28 mila euro l'anno non ci sarà nulla da pagare, tra i 28 mila e 55 mila euro l'anno si pagherà l'1,6%, tra 55 mila euro a 75 mila euro l'addizionale è del 2%, oltre i 75 mila euro è del 2.1%. Confermata inoltre l'aliquota agevolata allo 0,9% per i disabili o per chi ha un disabile a carico e ha un reddito annuo non superiore a 45 mila euro.

L'addizionale Irpef è dunque passata, ma le opposizioni non hanno rinunciato alla battaglia in aula dopo le lunghe polemiche che hanno anticipato la votazione. "Non si tratta solo di promesse elettorali non mantenute - ha spiegato la consigliera regionale Cristina Guarda (AMP) - Ma di un'opera realizzata a piccoli tratti, giusto per rendere impossibile la revisione del progetto. Un'opera che appesantirà i cittadini che verranno privati di strade gratuite per sostituirle con una a pagamento. Un'opera che avvantaggia il privato e mette a rischio il pubblico, ovvero i cittadini".

La giustificazione di Luca Zaia è che l'addizionale Irpef è necessaria per non lasciare incompiuta l'opera. "La Pedemontana va conclusa ma la strada scelta da Zaia di tassare i veneti per riparare ai propri errori è l'emblema del fallimento della Regione - ha sottolineato la consigliera regionale PD Orietta Salemi - Saranno i veneti a dover pagare un progetto che negli anni ha fatto acqua un po' da tutte le parti: dall’incapacità del concessionario fino alle stime sui passaggi più volte cambiate, passando per gli espropriati e le imprese che attendono quanto loro dovuto. Con la sua idea di autonomia al contrario, Zaia ha chiesto un nuovo aiuto allo Stato, che in realtà è già intervenuto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E a proposito degli espropri accennati da Oretta Salemi, la consigliera del M5S Patrizia Bartelle ha chiesto che "i soldi derivati dall'aumento dell'Irpef e strappati dunque ai cittadini veneti compensino le centinaia di agricoltori che si sona visti devastare le aziende dai cantieri con danni anche irrimediabili alle loro attività".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Dramma in Transpolesana nella notte: un uomo trovato morto dopo malore alla guida

  • Dolore a Pressana e Cologna per la morte di Arianna Fin, madre di due bimbe

  • Zoppicando attira l'attenzione dei carabinieri, aveva 19 dosi di eroina negli slip

  • Spende 9 mila euro per un depuratore per la casa: «Non serve, l'acqua è già potabile»

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

Torna su
VeronaSera è in caricamento