Pedemontana, le polemiche non si fermano. "Per il privato nessun rischio"

PD e M5S criticano ancora la scelta di Zaia di introdurre l'addizionale Irpef per completare l'opera. Puppato: "Regione incapace, ci pensi lo Stato". 5 Stelle: "Pagano i cittadini e incassano i privati"

L'opera di convincimento che il presidente della Regione Veneto Luca Zaia sta portando avanti per spiegare ai veneti la reintroduzione dell'addizionale Irpef per completare la Pedemontana, non ferma polemiche e voci contrarie. La senatrice PD Laura Puppato ha presentato un'interrogazione urgente al ministro Delrio per chiedere di risolvere l'impasse togliendo la gestione alla Regione e dirigendo la realizzazione dell'opera attraverso il ministero competente. "La Regione Veneto - ha dichiarato la senatrice - si è dimostrata manifestamente incapace di portare a compimento un'opera di straordinario valore per un vasto e industrioso territorio, opera che sarebbe dovuta costare circa 700 milioni di euro e che è stata trasformata in un'opera ciclopica da 2,4 miliardi di euro, a pagamento per tutti, compresi i residenti, unico caso in Italia di superstrada a pedaggio".

Preoccupati anche i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle Jacopo Berti, Simone Scarabel, Erika Baldin e Manuel Brusco. "Il privato non mette nulla, non ci rimette niente e si piglia pure una quota dei pedaggi che sembra essere davvero alta - hanno detto i consiglieri - mentre il pubblico, e quindi i cittadini, devono continuare ad esporsi e a coprire le spese".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La Regione e lo Stato si accollano tutto il rischio dell'opera, come se l'avessero realizzata con un appalto tradizionale - ha dichiarato sul tema Dario Balotta, presidente dell'Osservatorio Nazionale Liberalizzazioni Infrastrutture e Trasporti - È venuta meno una ragione per il ricorso al project financing: minimizzare le risorse pubbliche impegnate e non far ricadere totalmente l'investimento sulla spesa pubblica. Anziché studiare una exit strategy (riduzione della lunghezza della tratta e riduzione delle carreggiate) con minor consumo di suolo e minori costi, si vuole proseguire su una strada fallimentare".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Verona usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La montagna vicino Verona: 5 fantastiche escursioni a due passi dalla città dell'amore

  • Coronavirus: a Verona segnalati +20 casi in 24 ore e crescono gli attuali positivi in Veneto

  • Rischio temporali in Veneto anche sul Garda e in Lessinia: l'allerta della protezione civile

  • Coronavirus: in Veneto segnalati +29 casi positivi, a Verona +263 isolamenti in un giorno

  • A4, morto per un malore in terza corsia: scontri pericolosi evitati grazie ad un'auto e un tir

  • Coronavirus, un nuovo morto in Veneto e purtroppo è veronese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento