Aggressione verbale a due guardie zoofile dell'Oipa, in due denunciati

Devono rispondere di oltraggio a pubblico ufficiale. I due, durante un controllo, non hanno fornito le proprie generalità ed hanno contestato la richiesta fatta dalle guardie di vedere alcuni documenti

Guardia zoofila dell'Oipa

In occasione dell'Enci Winner 2019, una delle più importanti esposizioni canine d'Europa tenutasi lo scorso dicembre a Verona, le guardie eco-zoofile dell'Oipa hanno prestato servizio per monitorare la pratica illegale del taglio delle orecchie e della coda.

Due detentori di cani presenti alla fiera si sono rifiutati di fornire le proprie generalità ed hanno contestato la richiesta delle guardie di fornire la documentazione che giustificasse il taglio delle orecchie per fini curativi del cane detenuto da uno dei due individui. Gli animi si sono scaldati e le guardie zoofile sarebbero state aggredirle verbalmente. I due detentori di cani sono stati così denunciato per oltraggio a pubblico ufficiale.

Le guardie zoofile, nel compimento dei loro doveri, rivestono infatti la qualità di pubblici ufficiali e viene loro attribuita la funzione di polizia giudiziaria, ossia di prevenzione e repressione dei reati in materia di tutela degli animali - ricorda il coordinatore delle guardie eco-zoofile di Verona e provincia Massimiliano d'Errico - Hanno il compito, dunque, di far osservare le disposizioni di legge ed accertarsi delle violazioni di tali disposizioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Artigiano muore folgorato in strada mentre lavora: inutili i soccorsi del 118

  • Arriva il maltempo in Veneto, pioggia e neve: "Stato di attenzione" della protezione civile

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 17 al 19 gennaio 2020

  • Trovano un vero arsenale nella sua casa: 42enne finisce in manette

  • Operaio morto sul lavoro a Legnago, assolto rappresentante dell'azienda

  • Tocca con la motosega i cavi dell'alta tensione: non c'è stato scampo per il 46enne

Torna su
VeronaSera è in caricamento