Greenpeace: "Via ai controlli nelle scuole per la presenza di Pfas nell'acqua"

L'associazione ha comunicato di aver inviato le richieste ai dirigenti scolastici di oltre trenta scuole primarie, ricevendo l'autorizzazione di raccolta dei campioni da tredici istituti

Parte oggi, 4 aprile, da Verona il monitoraggio sulla presenza di Pfas (sostanze perfluoroalchiliche) nell’acqua potabile erogata nelle scuole primarie del Veneto.

Ad annunciarlo con una nota è Greenpeace, che nelle scorse settimane ha inviato richieste ai dirigenti scolastici di oltre trenta scuole primarie venete e, ad oggi, tredici istituti hanno autorizzato la raccolta e l’analisi dei campioni di acqua potabile. Il monitoraggio toccherà, nei prossimi giorni, le scuole primarie di numerosi comuni delle province di Verona (tra cui San Bonifacio, San Giovanni Lupatoto, Legnago), Vicenza (tra cui Montecchio Maggiore, Brendola, Arzignano, Sarego, Vicenza) e Padova (tra cui Montagnana e Padova) caratterizzati da un diverso grado di contaminazione da Pfas.

Ringraziamo tutti i dirigenti scolastici che hanno autorizzato Greenpeace alla raccolta e analisi dei campioni di acqua, accogliendo le richieste di molti genitori preoccupati. Nei casi di contaminazione come questo i soggetti più vulnerabili sono proprio i bambini e per essi dovrebbe valere il principio di maggior tutela”, ha dichiarato Giuseppe Ungherese, Responsabile Campagna Inquinamento di Greenpeace Italia.

Un secco no alla richiesta, afferma Greenpeace, sarebbe invece arrivato dai dirigenti scolastici delle scuole primarie di alcuni dei comuni più esposti alla contaminazione come Lonigo, Noventa Vicentina, Pojana Maggiore e Arcole. Per altri istituti, da Cologna Veneta ad Altavilla Vicentina, invece ancora non sarebbe arrivata un’autorizzazione ufficiale.

“Pur comprendendo le cautele di alcuni dirigenti scolastici di istituti situati nei comuni dell’area più contaminata da Pfas, riteniamo preoccupante che non abbiano consentito a Greenpeace di raccogliere campioni di acqua, negando così la richiesta di molti genitori di avere dati indipendenti sulla presenza di Pfas nell’ acqua potabile delle scuole frequentate dai loro figli. Confidiamo in un ripensamento di questi dirigenti”, ha concluso Ungherese.

Nelle scorse settimane Greenpeace ha lanciato una petizione per chiedere alla Regione Veneto di individuare e fermare tutte le fonti di inquinamento da Pfas ed abbassare i livelli consentiti per queste sostanze nell’acqua potabile allineandoli con quelli in vigore in altri paesi europei.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il dottor Claudio Zorzi dell'ospedale di Negrar l'Ortopedia veronese ai vertici in Italia

  • Operato a Verona, un paziente ringrazia: «Ho finalmente rivisto la luce»

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Guai per una cooperativa: scovati 240 lavoratori irregolari e 7 in "nero"

  • È di Stallavena il secondo panettone artigianale più buono d'Italia

  • Senza cinture al momento dello scontro: grave la bimba, indagata la madre

Torna su
VeronaSera è in caricamento