Smog, nessun miglioramento. E Bertucco critica le deroghe alle Euro 4

Le previsioni indicano che nei giorni di Natale la qualità dell'aria non sarà buona nel Veronese. E il consigliere comunale di Verona e Sinistra in Comune: «Shopping natalizio più importante delle misure antismog»

Foto di repertorio

Secondo giorno di allerta 1 (su una scala che va da 0 a 2) per quel che riguarda la qualità dell'aria in provincia di Verona. Da ieri, 21 dicembre, dopo quattro giorni consecutivi di superamento del limite di concentrazione di Pm10, si è alzato il livello di allerta che resterà di livello 1 almeno fino alla vigilia di Natale. E viste le previsioni per i prossimi giorni potrebbe essere difficile che la situazione migliori.
Per l'Arpav, i veronesi si devono aspettare altre giornate in cui le polveri sottili possono ancora andare oltre il limite imposto dalla legge. Una situazione che non riguarda solo il capoluogo, ma anche gli altri centri abitati. Respira meglio solo chi abita nei paesi ad altitudini maggiori, ma il grosso della popolazione scaligera potrebbe passare le festività con un'alta presenza di polveri sottili.

Intanto, come a Verona, anche in altre città veronesi si è deciso di concere in deroga la circolazione delle auto diesel Euro 4. Con un livello di allerta 0, questo genere di auto poteva circolare liberamente, ma salendo il livello di allerta inquinamento si fanno più restrittivi i blocci ai veicoli. Le Euro 4 sarebbero dovute rimanere in garage, ma il sindaco di Verona Federico Sboarina ha concesso loro la deroga, e così è stato fatto ad esempio anche a Villafranca e a Legnago.
Una decisione, quella di Sboarina, criticata dal consigliere comunale di Verona e Sinistra in Comune Michele Bertucco.

A che serve fare tavoli tra Comuni, Regione e Provincia sulle misure antismog da adottare in periodo invernale se poi i sindaci derogano sempre sotto Natale? - scrive Bertucco - Non discuto le motivazioni, invito a riflettere sulla inutilità del sistema messo in piedi: appena le condizioni atmosferiche diventano più statiche, i superamenti dei limiti giornalieri di Pm10 ricominciano a galoppare (siamo arrivati a 40 dall'inizio dell'anno) e non c'è limitazione del traffico che tenga, tanto è vero che nessun sindaco si sente di mettere i bastoni tra le ruote allo shopping natalizio, di fronte al quale le misure emergenziali (e se le parole hanno ancora un significato si tratta di situazioni gravi) tanto solennemente annunciate qualche mese prima, come appunto il blocco dell'Euro 4, passano subito in secondo piano.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Gemellaggio Verona-Hangzhou, lo scambio dell'atto. Sboarina: «Noi eredi di Marco Polo»

  • Cronaca

    Decine di pali in ferro cadono dal rimorchio di un tir in Bra: grave spavento per i presenti

  • Cronaca

    Chiodi e puntine da disegno sulla pista ciclabile e gita rovinata: l'ira dei ciclisti

  • Attualità

    Bandiera San Marco in piazza Erbe. Lega, dalla lingua veneta a scuola verso il "Batar Marso"

I più letti della settimana

  • A sbattere contro un'auto, morto giovane motociclista a Caprino Veronese

  • Ragazze violentate da una coppia veronese: inchiodati dai filmati del cellulare

  • Atterraggio di emergenza a Londra per un Airbus decollato da Verona

  • Verona fortunata al SuperEnalotto: giocata una schedina da 40 mila euro

  • Da una lite familiare spuntano 85 mila euro, droga e orologi: un arresto

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 22 al 24 marzo 2019

Torna su
VeronaSera è in caricamento