Chievo Verona - Roma 0-3 | Crolla la diga clivense e ora la salvezza si allontana

Brutto passo falso del Chievo contro i giallorossi che hanno dimostrato tutta la loro superiorità dall'inizio alla fine del match. Si complica la strada per la permanenza in serie A

La rete di Stephan El Shaarawy nella sfida Chievo Verona - AS Roma - ANSA/EMANUELE PENNACCHIO

Una sfida difficile che si è poi rivelata senza storia, quella tra Chievo e Roma. Il risultato, dopo il vantaggio degli ospiti, non è mai stato realmente messo in discussione. Meglio organizzati, cinici e spietati, i giallorossi hanno mandato al tappeto la formazione di mister Di Carlo, nonostante impegno e carattere non siano mai venuti meno.

La cronaca e il tabellino del match

Le prime avvisaglie negative per i padroni di casa sono arrivate dopo soli 6 minuti di gioco, quando il funambolo Zaniolo ha seriamente impensierito Sorrentino con un gran tiro mancino da fuori area. Poco dopo è giunto il vantaggio della Roma: rinvio coi piedi di Sorrentino, colpo di testa a centrocampo di Nzonzi che si è trasformato in un assist per El Shaarawy, bravo ad approfittare di una difesa gialloblu mal piazzata e a freddare il portiere avversario con un pregevole pallonetto.

Il tentativo di reazione da parte dei ragazzi di Di Carlo è stato bloccato quasi sul nascere, poiché nel giro di 10 minuti ci ha pensato Dzeko con una gran giocata a smorzare ogni velleità. L'attaccante bosniaco, defilato sulla destra, ha compiuto una vera prodezza con dribbling e tiro mancino a giro che si è insaccato a fil di palo. Palla imprendibile per chiunque e doppio vantaggio per la Roma che ha però compiuto l'errore di rilassarsi un po' troppo. È infatti intercorsa tra il 23° e il 35° di gioco la fase migliore dei padroni di casa. Prima Djordjevic, poi Barba hanno cercato di accorciare le distanze senza però riuscirvi. L'occasione migliore è arrivata al 32°, quando Mirante ha compiuto un mezzo miracolo su un colpo di testa ravvicinato di Djordjevic.

Le squadre sono quindi andate al riposo sul risultato di 0-2 e al rientro in campo il Chievo ha cercato sin da subito di mettere alle corde la Roma, tenendo la squadra molto alta ed esponendosi però in tal modo alle ripartenze degli ospiti. Proprio su una perfetta azione di contropiede animata da El Shaarawy è infatti giunto il terzo gol dei giallorossi al 50°: dopo la sgroppata del Faraone sulla fascia sinistra, la palla è finita a Dzeko, bravissimo a servire l'accorrente Kolarov che si è infilato in area ed ha piazzato un angolato tiro mancino, imparabile per l'incolpevole Sorrentino. A questo punto la Roma ha preso in mano il centrocampo, mentre il Chievo pur provando a reagire e creando ancora qualche buona opportunità non è però più riuscito a riaprire la gara. Da annotare il doppio infortunio di Frey, ancora nel primo tempo, e del suo sostituto Depaoli, al quale è quindi subentrato Schelotto, all'esordio quest'anno nel Chievo ed autore comunque di una buona frazione.

Deluso e rammaricato mister Di Carlo a fine gara ha commentato così la sconfitta: «Mi aspettavo una partita diversa, l'avevamo preparata diversamente, non è possibile concedere alla Roma questi spazi. Mi spiace per i ragazzi, perché ci mettono impegno, ma dobbiamo comunque continuare a lavorare e cercare di ottenere una vittoria che potrebbe essere quella della svolta. Prendiamo questa sconfitta, dobbiamo avere il coraggio di reagire e ripartire. Ora pensiamo alla sfida contro l'Udinese e cercheremo di metterci una maggiore attenzione rispetto a quella vista oggi, perché gli errori di concentrazione in questo periodo li paghiamo molto cari».

Potrebbe interessarti

  • Capelli verdi dopo il bagno in piscina? Ecco le cause e i rimedi fai da te

  • I 7 segreti per un'abbronzatura perfetta anche dopo le vacanze

  • Abito sottoveste: il capo must have che non passa mai di moda

  • "Benvenuto": il nuovo vademecum su come affrontare i primi due anni del bebè

I più letti della settimana

  • Una meteora solca i cieli di Verona: il video girato a Borgo Trento

  • Jeremy Wade pronto a svelare il mistero di "Bennie", il mostro del lago di Garda

  • Turismo a Verona, Tosi: «In calo. L'assessore Briani ammetta le sue colpe»

  • Frontale tra auto sul lago: morta una persona e altre due rimaste ferite

  • La donna non cede al ricatto e lui pubblica sui social le sue immagini "hot"

  • Crisi (congelata) di governo, Tosi: «Salvini è una trottola impazzita, fa solo propaganda»

Torna su
VeronaSera è in caricamento