Tolta cittadinanza onoraria a Poroschenko, dura replica: "Politici burattini di Putin"

"La decisione della maggioranza del Consiglio comunale di Verona - si legge nella nota dell'Ambasciata d'Ucraina in Italia - è un atto solo provocatorio, lontano dagli interessi dei cittadini veronesi e dai principi europei"

L'Ambasciatore per l'Ucraina in Italia Yevgen Perelygin

La revoca della cittadinanza onoraria al presidente ucraino Petro Poroschenko, decisa dal Comune di Verona, è per l'Ambasciata Ucraina «un atto provocatorio preparato ad arte dal regime del Cremlino ed eseguito da forze politiche locali che si prestano ad uno sporco gioco politico». Ad affermarlo in una nota, come riportato dall'Ansa, è direttamente l'Ambasciata d'Ucraina in Italia.

«Se alcuni politici vogliono essere i burattini di Putin, allora io non posso ostacolare di esserlo. La decisione della maggioranza del Consiglio comunale di Verona - aggiunge la nota - è un atto solo provocatorio, lontano dagli interessi dei cittadini veronesi e dai principi europei. Non è la prima volta negli ultimi anni, non appena l'Ucraina intraprende i passi importanti sulla via di riforme e sulla strada dell'integrazione europea - conclude l'Ambasciata - che riceviamo in risposta un bouquet di provocazioni preparate ad arte dal regime del Cremlino, ed eseguito da alcune forze politiche locali, strumento dello sporco gioco politico».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente e incendio, un camion va a fuoco: traffico in tilt sulla tangenziale sud

  • Cambia la viabilità di Verona per il Venerdì Gnocolar: ecco i provvedimenti

  • Verona e le sue bellezze storiche e culturali approdano in tv sulla Rai

  • Aveva un tumore al collo, neonata operata durante il parto a Verona

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 21 al 23 febbraio 2020

  • Una persona travolta da un treno a Verona: sospeso il traffico ferroviario

Torna su
VeronaSera è in caricamento