Degrado a Verona, nuova denuncia di Tosi. Polato: "Problema ereditato"

L'ex sindaco con un video su Facebook mostra immagini poco gradevoli della città. L'assessore alla sicurezza replica con ironia: "Quando sarà ministro del governo Renzi doterà i comuni di strumenti più efficaci"

Fermo immagine del video postato da Tosi su Facebook

"Verona cambia, in peggio". Poche parole accompagnano il video condiviso dall'ex sindaco Flavio Tosi su Facebook. Poco più di tre minuti di immagini filmate e foto montate per denunciare come su degrado e la sicurezza non ci siano stati dei passi in avanti con l'amministrazione Sboarina. Un video che ne richiama un altro, quello girato a giugno da Matteo Salvini in zona stazione a Verona. Il messaggio implicito di Tosi è chiaro: a giugno Salvini denunciava il degrado a Verona per sostenere la campagna elettorale di Sboarina; poi Sboarina ha vinto le elezioni ma il problema del degrado in città non è stato risolto.

Se il consigliere Tosi riuscirà a diventare ministro del prossimo governo Renzi, potrà dotare le amministrazioni comunali di strumenti più efficaci nella lotta al degrado - replica, con un certa ironia, l'assessore alla sicurezza di Verona Daniele Polato - Questa è la città che abbiamo ereditato da lui, con i cinque anni precedenti passati nel suo disinteresse per i veronesi e la loro sicurezza. Eppure era tanto amico dell'allora ministro degli interni Alfano, con cui cercava di fare il partito nazionale dei moderati dimenticandosi di casa sua e di farsi aiutare proprio sul terreno del ministro. L'amministrazione Sboarina ha sempre detto che la sicurezza non è problema che si risolve in 4 mesi e che ci vuole solo la costante presenza di agenti della polizia municipale e delle forze dell'ordine che controllano il territorio. Cosa che stiamo facendo, come dimostrano i dati forniti regolarmente.

Dati che l'assessore Polato mostra, riferendosi a giovedì 16 novembre: gli interventi della municipale sono stati 104. Tra quelli più importanti, la maggior parte era dovuto agli intralci alla circolazione stradale, alla lotta alla prostituzione, all'accattonaggio e ai bivacchi. In quella giornata sono stati controllati anche gli schiamazzi e i rumori eccessivi nei locali pubblici ed eseguiti controli contro l'abusivisimo, oltre agli incidenti stradali e ai servizi davanti alle scuole.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il panettone più buono secondo Iginio Massari? Lo produce un pasticciere veronese

  • Incidente mortale a Verona: auto contro un muro, perde la vita un 47enne di Cerea

  • Tocca il cordolo in moto, cade e muore: la stanchezza la possibile causa

  • L'auto finisce contro un muro: muore padre di due bambine nell'incidente a Ca' di David

  • Incidente a Sant'Ambrogio di Valpolicella: muore motociclista dopo la caduta

  • Sfonda la recinzione stradale con un camion e vola per 7 metri dal ponte di viale delle Nazioni

Torna su
VeronaSera è in caricamento