Maltrattamenti. Ubriaco torna dalla sua famiglia e prova ad entrare in casa

È stato bloccato dai carabinieri, intervenuti dopo essere stati avvisati dal vicinato che aveva assistito alla scena, e portato in carcere a Montorio per aver violato le disposizioni del giudice

A suo carico era già stata applicata la misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento ai suoi congiunti per alcuni episodi dello stesso tipo avvenuti in passato, ma questo non sarebbe bastato a farlo desistere: nella tarda serata di martedì quindi, i carabinieri della stazione di Zevio, coadiuvati dai colleghi di San Giovanni Lupatoto e San Bonifacio, hanno tratto in arresto l'italiano classe 1974 per maltrattamenti in famiglia. 

Secondo quanto riportato dall'Arma, l'uomo si trovava in preda ai fumi dell'alcol quando avrebbe deciso di tornare presso la casa in cui abita la sua famiglia, dove avrebbe messo in atto alcuni gesti violenti pur di accedervi, al punto di mandare in frantumi il vetro di una finestra pur di entrare. 
Nel frattempo però sono intervenuti i militari, allertati dal vicinato che non poteva che assistere impotente, ed hanno bloccato l'uomo dichiarandolo in arresto. L'italiano poi, su disposizione dell'Autorità Giudiziaria, è stato condotto nel carcere di Montorio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una città intera in lutto: si è spento Roberto Puliero e Verona perde la sua voce

  • Sbanca a L'Eredità, dipendente comunale pensa ai colleghi in difficoltà

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Il cordoglio della politica veronese per la scomparsa di Roberto Puliero voce della città

  • Madre e figlia dirette a Londra arrestate all'aeroporto Catullo dalla polizia

  • Maltempo a Illasi: «Situazione ancora critica, preoccupa il livello del Progno»

Torna su
VeronaSera è in caricamento