Controlli a tappeto nelle stazioni, trovati clandestini e un pusher

Il servizio ha impegnato più di trenta agenti tra Verona, Vicenza, Trento e Bolzano. Hanno operato con al fianco due cani della guardia di finanza dell'aeroporto di Villafranca e di Bolzano

Polizia e guardia di finanza con un cane durante un controllo in stazione

Nell'ambito dei controlli straordinari disposti dal Ministero dell'Interno, le stazioni ferroviarie di Verona, Vicenza, Trento e Bolzano sono state nuovamente controllate dalla polizia. Il servizio ha impegnato più di trenta agenti che hanno operato con al fianco due cani della guardia di finanza dell'aeroporto di Villafranca e di Bolzano, specializzati nella ricerca di stupefacenti.

L'attività ha consentito di identificare circa 200 persone e di deferirne cinque all'autorità giudiziaria. Quattro di queste, tutte di nazionalità marocchina, sono state trovate nella stazione di Verona Porta Nuova e denunciate per il reato di clandestinità, mentre un altro ragazzo, minorenne, è stato trovato, dagli agenti di Bolzano, in possesso di marijuana e, dunque, denunciato per spaccio.
Sanzioni amministrative sono, invece, scattate nei confronti di due cittadini italiani, fermati a Verona Porta Nuova e a Bolzano, che detenevano la droga per uso personale.

I controlli sono stati svolti in tutti i punti ritenuti più critici e nelle aree di maggiore affollamento delle stazioni principali, ed estesi anche al deposito bagagli di Verona Porta Nuova e a bordo dei treni in fermata. Il monitoraggio ininterrotto del flusso dei viaggiatori in arrivo e partenza dallo scalo ferroviario, ha consentito di effettuare controlli a campione su persone e bagagli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'attenzione della polizia ferroviaria ha interessato non solo la città ma anche la provincia veronese: i controlli sono stati effettuati anche nelle stazioni e negli scali ferroviari di Porta Vescovo e San Bonifacio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

  • Nuova ordinanza del sindaco di Verona contro movida e assembramenti: il testo completo

Torna su
VeronaSera è in caricamento