Lupi, Scarabel: "Superare il regime de minimis per i risarcimenti dei danni"

Il consigliere comunale Veneto interviene sulla gestione della fauna selvatica in regione, proponendo di chiedere all'Europa la possibilità di aumentare il budget per i danni provocati da questi animali

Non si spara ai lupi, e non si sparano neppure baggianate estive su proposte inattuabili. Quel che si deve fare è ottenere dall'Europa la possibilità di superare il regime attuale per i risarcimenti dei danni causati dalla fauna selvatica.

A dirlo è il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Simone Scarabel, che interviene così nella vivace querelle politica sulla gestione dei lupi in Veneto.

In questi giorni ne abbiamo sentite davvero di tutti i colori – spiega il consigliere – da chi vorrebbe ammazzarli tutti a fucilate fino a chi vorrebbe vietare la caccia alle prede dei lupi.

Almeno la proposta dei proiettili di gomma, che pure non ritengo condivisibile, era approvata dall'Ispra – si rammarica Scarabel, che da tempo segue le tematiche legate al mondo agricolo veneto – ma sentire parlare gente che vuole utilizzare il problema dei lupi e della fauna selvatica per raccattare voti, da una parte e dall'altra, mi fa davvero arrabbiare.

La questione va gestita con l'aiuto dei professionisti del mondo scientifico che da anni studiano la convivenza del lupo in contesti antropizzati come l'altopiano di Asiago o la Lessinia – sottolinea il consigliere – la mia proposta è già stata portata avanti con successo in Emilia Romagna e prevede che il Veneto chieda a Bruxelles di superare il regime de minimis per i risarcimenti dei danni dalla fauna selvatica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In questo caso le risorse vanno incardinate alla misura 5 del PSR, che è fatta apposta per risarcire il mancato guadagno degli agricoltori – ricorda Scarabel - questa misura ha un budget di milioni di euro e finora ha stanziato pochi spiccioli. Questa è una risposta che può dare la politica, senza andare in cerca di sparate di Ferragosto, mentre la risposta sul campo va data da seri professionisti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nel Veronese le persone "positive" sfiorano le 1800 unità

  • A Verona 5 nuovi morti positivi al coronavirus: crescono a 514 i ricoveri, di cui 103 in intensiva 

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus a Verona: toccata quota 100 ricoveri in intensiva

  • Coronavirus: a Verona crescono casi positivi e decessi: ricoveri ancora in calo

  • In Veneto 125 minorenni positivi al coronavirus, 18 sono veronesi

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus in Borgo Roma: calo ricoveri in intensiva nel Veronese

Torna su
VeronaSera è in caricamento