Giurano a Verona 430 volontari in ferma prefissata: 25 sono giovani ragazze

«Quella di oggi sarà una giornata che lascerà un segno indelebile nella vostra memoria e nei vostri cuori», ha dichiarato nel corso del suo intervento il Colonnello Ficca

La cerimonia alla caserma "Duca" di Verona

Ben 430 Volontari in Ferma Prefissata di un anno (VFP1) dell’85° Reggimento Addestramento Volontari (RAV) “Verona”, e fra loro  25 ragazze, giurando fedeltà alla Repubblica, sono diventati soldati nella giornata del 19 luglio. Agli ordini del Colonnello Gianluca Ficca, gli uomini e le donne del 1° Blocco 2019 hanno gridato il loro “lo giuro!” al cospetto della Bandiera di Guerra del Reggimento ed alla presenza del Comandante della Scuola di Fanteria, Generale di Brigata Giuseppe Faraglia.

La partecipazione delle autorità militari e civili del territorio veronese, a conferma della solennità della cerimonia, e la presenza degli oltre 2000 parenti e amici dei giurandi, giunti da ogni parte d’Italia, hanno testimoniato quanto per i “nuovi” soldati questo giorno possa essere  carico di significato.

«Una giornata che lascerà un segno indelebile nella vostra memoria e nei vostri cuori. A breve, con un atto solenne, vi impegnerete, in primis, di fronte alla vostra coscienza come individui, come cittadini e come soldati. Quanto state per fare, determinerà non solo il vostro percorso professionale ma soprattutto il vostro essere Uomini e Donne di questo meraviglioso Paese». Così si è espresso nel suo intervento il Colonnello Ficca.

In occasione della cerimonia del Giuramento, è stata consegnato a tutti i giovani Volontari del 1° Blocco 2019, una copia del Diario “Io sono un Soldato”. «Questo Diario, va a tutti voi – ha sottolineato il Generale Faraglia – affinché possiate cominciare a riportare le vostre emozioni, quelle di un soldato che con il giuramento di oggi ha scelto di dedicare, in uniforme, la sua vita al servizio del Paese».

L’iter formativo dei Volontari in Ferma Prefissata di 1 anno (VFP1), giunti a Verona lo scorso 10 giugno, ha la durata complessiva di 11 settimane.  Il prossimo 5 settembre i Soldati saranno inviati ai reparti operativi, dislocati su tutto il territorio nazionale. Gli aspiranti alpini e paracadutisti, invece, effettueranno un ulteriore periodo di addestramento alla specialità rispettivamente presso il Centro Addestramento Alpino di Aosta e il Centro Addestramento di Paracadutismo di Pisa.

Dal 1997 l’85° RAV è uno dei tre reggimenti dell’Esercito, l’unico dell’area del Nord Italia, che addestra i giovani VFP1, donne e uomini, che decidono di intraprendere la carriera militare, formandone oltre 1.500 ogni anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

  • Non ce l'ha fatta il 41enne coinvolto in uno scontro frontale a Isola della Scala

Torna su
VeronaSera è in caricamento