Collaborazione con Verona e Padova, corso di medicina all'università di Trento

Esprimono forte apprezzamento sia la Provincia autonoma di Trento, per voce del suo assessore all'università Mirko Bisesti, che l'Università di Trento, con il rettore Paolo Collini

Università di Verona

Si è riunito ieri, 21 gennaio, nel rettorato dell'università di Trento, il comitato provinciale di coordinamento che ha dato il via libera al progetto di un corso di studi medicina e chirurgia a Trento. Un passaggio che è stato definito un risultato importante, per il quale esprimono forte apprezzamento sia la Provincia autonoma di Trento, per voce del suo assessore all'università Mirko Bisesti, che l'Università di Trento, con il rettore Paolo Collini. Un risultato raggiunto dopo settimane di confronto serrato, intenso e leale.

Resta ferma la volontà di attivare un progetto comune che preveda una effettiva e rilevante cooperazione accademica che possa ricomprendere gli atenei di Trento, Verona e Padova. Tenuto conto delle modalità e dei tempi di accreditamento del nuovo corso di medicina (che per l'anno accademico 2020/21 può essere ottenuta dal corso interateneo con Verona approvato dai rispettivi organi di Ateneo), le tre università e la Provincia autonoma di Trento hanno concordato di attivare sin d'ora un tavolo di lavoro per definire ruoli, modalità e tempi per il coinvolgimento di Padova nel rispetto delle reciproche competenze, a partire dall’anno accademico successivo (2021-2022).

Grazie al coinvolgimento degli atenei di Padova e di Verona che si sono resi disponibili, è stato peraltro confermato il comune obiettivo di anticipare la presenza degli studenti e delle studentesse trentini frequentanti tali università nella fase finale dei corsi di studi presso le strutture della Apss di Trento già a partire dal prossimo anno accademico, ampliando quanto già previsto dalla convenzione dell'Università di Verona per la medicina generale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, è stato auspicato che la progettualità della scuola di medicina di Trento possa trovare terreno fertile all'interno della macroarea dell'Euregio, mediante la collaborazione con le istituzioni competenti per soddisfare le esigenze della popolazione che insiste su questo ambito territoriale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attaccata sotto la sedia, nascondeva una scatola con quasi mezzo chilo di coca

  • Coronavirus: Verona segna ancora il peggior aumento di casi positivi totali in Veneto

  • Ancora un dramma sulle strade: motociclista muore dopo lo scontro con un cervo

  • Ricercato in tutta Europa, viene scoperto ed arrestato dai carabinieri di Legnago

  • Movida in Erbe a Verona: immagini denuncia sui social (e le webcam registrano tutto)

  • Coronavirus a Verona: 25 nuovi casi e 4 decessi in poche ore, ma diminuiscono i "positivi"

Torna su
VeronaSera è in caricamento