Domenica, 17 Ottobre 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lanciato lo spot della città verso i suoi giovani: «Verona ha bisogno di te»

Un'iniziativa dell'amministrazione comunale scaligera che presto sarà trasmessa su vari canali e che a settembre, si trasformerà in un progetto per coinvolgere le nuove generazioni e avere direttamente da loro idee e feedback

Una freccia che punta dritta ai giovani. Uno spot pronto a diventare virale per dare il via alla campagna "Verona ha bisogno di te". Una chiamata diretta ad adolescenti e ragazzi affinché siano sempre più protagonisti attivi e propositivi della vita cittadina. Un'iniziativa, quella voluta dall'amministrazione comunale, che presto sarà su televisioni, social e canali multimediali e, a settembre, si trasformerà in un progetto per coinvolgere le nuove generazioni e avere direttamente da loro idee e feedback. Anche con il supporto del mondo della scuola e della prefettura.

Il messaggio è positivo, per abbattere l'indifferenza e stimolare i giovani ad essere gruppo e non branco. Un'esigenza nata dopo il lockdown, che ha visto intensificarsi alcuni fenomeni di bullismo anche a Verona.
«Con il mio gruppo esprimo me stesso, c'è sempre qualcuno che mi ascolta. Combatto, ma per nuovi progetti, nuove idee. Cerco di condividere quello che ho, quello che sono, voglio sentirmi protagonista tra i miei amici, nella mia città. Voglio sentirmi libero di dire quello che penso. Tutto il resto è solo branco. Abbatti l'indifferenza. Fai sentire la tua voce. Scegli anche tu di essere protagonista della tua città. Verona ha bisogno di te». Uno spot diretto, chiaro, intuitivo. E a supportare le parole, immagini che dal bianco e nero diventano a colori, per accompagnare la potenza del messaggio e innescare un desiderio. Con i ragazzi, che tra le strade del centro storico così come dei quartieri, esprimono l'energia della loro giovinezza.

«I giovani sono il nostro futuro, la nostra risorsa migliore, la città ha bisogno di loro - ha commentato il sindaco Federico Sboarina - Abbiamo voluto ideare e avviare una campagna per innescare un messaggio positivo, per coinvolgerli nella vita cittadina, perché ne siano protagonisti. Negli ultimi mesi, in tante città, il lockdown ha acuito comportamenti e fenomeni giovanili preoccupanti. Sono venuti a mancare i punti di riferimento, la scuola in presenza, lo sport, le attività sane e i divertenti. Anche i centri di aggregazione sono stati chiusi. Ma l’energia che è propria degli adolescenti e dei giovani in qualche modo esce e si esprime. Ecco perché abbiamo deciso di scendere in campo, e lo faremo anche con le altre istituzioni, per interagire con le nuove generazioni e, attivando canali di comunicazione dedicati, conoscerne necessità, idee, per una città che vuole essere in relazione alle loro esigenze. Percorreremo tutte le strade possibili per entrare in contatto con loro e avere un ritorno, coinvolgendo la scuola e i luoghi di aggregazione. Le scorie lasciate dal Covid hanno inciso fortemente a livello sociale, ci stiamo occupando di anziani, persone fragili, ultimi, ora proseguiamo con i giovani. Una stragrande maggioranza dei nostri giovani si sta impegnando in tanti progetti concreti di volontariato, e questi messaggi positivi già li porta avanti. Vogliamo intercettare anche gli altri, senza aspettare di dover reprimere comportamenti inadeguati, ma facendo prevenzione per dare ai ragazzi lo spazio e l’attenzione che meritano».
«In città stiamo monitorando oltre 250 giovani con problematiche di vario genere - ha aggiunto l'assessore ai servizi sociali Maria Daniela Maellare - In ogni centro sociale territoriale abbiamo inserito un educatore affinché intercetti i loro problemi, su richiesta delle parrocchie con cui collaboriamo abbiamo messo a disposizione l’unità educativa di strada per controllare il territorio e cogliere i malesseri giovanili là dove si presentano. Abbiamo poi i centri aperti, centri ragazzi, il progetto "Ci sto affare fatica", vediamo una grande volontà di protagonismo positivo e attivo. Anche il Centro servizi volontariato ha lanciato una campagna che sta riscuotendo tanto successo tra i ragazzi. C’è bisogno di un ricambio generazionale. Abbiamo voluto quindi iniziare un percorso, in collaborazione con le cooperative che lavorano con il Comune e l'Ulss 9 Scaligera, per convogliare tutte le energie positive. Un progetto che stiamo elaborando e sarà pronto per l’inizio delle scuole».

Sullo stesso argomento

Video popolari

Lanciato lo spot della città verso i suoi giovani: «Verona ha bisogno di te»

VeronaSera è in caricamento