Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tristi ma vivi, i due poliziotti travolti dall'Adige per salvare un 26enne

Federico Stella e Thomas Brunelli hanno espresso amarezza per non essere riusciti a portare in salvo il giovane, ma sono consapevoli di aver corso il rischio più grande mai vissuto in divisa

 

Amarezza per un tentativo di salvataggio non andato a buon fine. È questo il sentimento espresso oggi, 1 settembre, da Federico Stella e da Thomas Brunelli, i due poliziotti di Verona che hanno tentato di salvare un 26enne gettatosi nell'Adige dopo le 21 di domenica 30 agosto. Ma oltre all'amarezza c'è anche la consapevolezza di aver rischiato la vita e di essere scampati al rischio più grande mai vissuto finora dai due uomini in divisa.

È stato Federico Stella, più esperto e più alto in grado, a raccontare quei momenti concitati, ma il primo ad entrare in acqua per salvare il giovane è stato Thomas Brunelli.
I due, da riva, hanno provato a parlare con il 26enne, il quale era anche stordito dall'alcol. Capito che il ragazzo non si sarebbe salvato da solo, Brunelli si è tuffato nell'Adige, nel tratto tra Ponte Navi e Ponte Aleardi. Subito dopo anche Stella è entrato in un'acqua gelida, la cui temperatura potrebbe essere stata di pochi gradi superiore allo 0.
Il piano venuto in mente a Brunelli era buono ed i due poliziotti sono riusciti anche a realizzarlo: raggiungere il 26enne, tenerlo fermo in due, ancorarsi ad un arbusto portato lì dalla corrente e rimasto incastrato poco distante, ed aspettare i soccorsi. Ed effettivamente è andato tutto liscio finché la forza del fiume non ha spezzato il ramo su cui poggiavano i due poliziotti ed il giovane ormai privo di coscienza. Una rottura avvenuta in concomitanza con l'arrivo dei soccorritori dei vigili del fuoco.
E così, in quattro sono rimasti in balia della corrente. Federico Stella è finito sotto l'acqua, ha bevuto e poi è riemerso non vedendo più il collega, il 26enne ed il vigile del fuoco che si era calato nel fiume per portarli in salvo. Gli altri vigili del fuoco sono riusciti a calare una scaletta a cui Stella si è aggrappato, riuscendo così ad uscire dall'Adige. Thomas Brunelli è stato trascinato via, finendo anche lui più volte sotto l'acqua, ma con le ultime forze che aveva in corpo è riuscito a guadagnare la riva. Il vigile del fuoco, invece, si è salvato a Zevio, trascinato per 16 chilometri dal fiume.

poliziotti verona salvataggio suicidio thomas brunelli federico stella-2
(Brunelli e Stella)

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento