Nubifragio, Sboarina: «Tanti interventi già effettuati». E riaprono le Torricelle

A due giorni dalla tempesta che creato allagamenti in città ed ha abbattuto tanti alberi, il primo cittadino ha presentato un primo resoconto, parlando anche dei risarcimenti

 

Nel pomeriggio di oggi, 25 agosto, a meno di 48 ore dal nubifragio che ha colpito la città di Verona e la sua provincia, il primo cittadino del capoluogo scaligero Federico Sboarina ha fornito un nuovo aggiornamento, partendo dai ringraziamenti per tutti coloro che si stanno impegnando per il ripristino della normalità in città. «Sono già stati fatti degli interventi importanti e l'aspetto di Verona è molto simile a quello che aveva prima del pomeriggio di domenica - ha detto il sindaco - Un lavoro incredibile in così poco tempo».

«Oggi continuano ad essere in strada 15 squadre di protezione civile - ha spiegato Sboarina - E sono 70 le unità dei vigili del fuoco concentrate soprattutto nel nostro territorio comunale. Anche nei prossimi giorni, poi, resterà aperta la nostra unità di crisi della protezione civile. I motivi sono due: il primo è che tanti veronesi sono ancora in vacanza e quindi solo al loro rientro potranno scoprire se hanno subito danni a causa del maltempo, quindi noi resteremo operativi e interverremo man mano che riceveremo le segnalazioni al numero 045-8052113; il secondo motivo è prudenziale perché sono previste perturbazioni intense per il prossimo fine settimana».

Resta ancora in vigore l'ordinanza di chiusura dei parchi giochi e delle aree verdi. Da domani, dopo la loro messa in sicurezza, sarà comunicata la loro graduale riapertura. Mentre già dal pomeriggio di oggi, alle 17, sarà possibile tornare sulle Torricelle, zona particolarmente colpita dalla pioggia, dalla grandine e soprattutto dal vento che ha sradicato molti alberi, lasciandoli sulla strada e quindi ostruendo il passaggio. Inoltre, questa mattina, Sboarina ha firmato un'ordinanza retroattiva, con cui sono state sospese la ztl, le aree pedonali e le corsie preferenziali della città nel periodo in cui si è scatenato il nubifragio di domenica. Un'ordinanza che eviterà le sanzioni a tutti i cittadini che, ad esempio, hanno dovuto violare la zona a traffico limitato a causa di una deviazione dovuta al maltempo.
«Abbiamo ricevuto poi tantissime richieste sui risarcimenti dei danni - ha aggiunto Sboarina - Nei prossimi giorni comunicheremo come, dove ed entro quando inviare le richieste al Comune di Verona, che poi le girerà alla Regione e al Governo per ottenere i risarcimenti».

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento