Mercoledì, 28 Luglio 2021

Attività ordinarie in fase di riattivazione, il Magalini non è più ospedale Covid

L'annuncio è stato dato dal direttore generale dell'Ulss 9 Pietro Girardi. All'interno della struttura saranno completati dei lavori per evitare di spegnere di nuovo le normali funzionalità anche nel caso in cui ci fosse una nuova fase epidemica

«Si chiude, e speriamo definitivamente, la parentesi dell'ospedale Covid di Villafranca». Il Magalini torna ad avere tutte le sue normali attività e l'annuncio è stato dato oggi, 27 maggio, dal direttore generale dell'Ulss 9 Scaligera Pietro Girardi. «Per molto tempo, l'ospedale di Villafranca ha assunto un ruolo strategico nell'affrontare la pandemia e a questo le sue attività erano state esclusivamente rivolte - ha aggiunto Girardi - Ma da qualche giorno l'attività del Magalini non è più esclusivamente Covid. A tappe settimanali, abbiamo riattivato il day surgery, l'area medica e la continuità assistenziale pediatrica. Dal prossimo lunedì riapriremo l'attività di week surgery e da lunedì 7 giugno riapriremo il punto nascita, il dipartimento chirurgico e il dipartimento intensivo».

Ed in parallelo alla progressiva riattivazione delle normali funzionalità dell'ospedale villafranchese, sono in corso anche dei lavori per consentire alla struttura di reggere un'eventuale nuova epidemia di Covid senza chiudere ancora una volta le altre attività. «Grazie ad un particolare finanziamento pubblico, è stato possibile duplicare le aree, in modo tale da poter gestire sia l'eventuale pandemia che l'attività ordinaria».

Le difficoltà per l'ospedale Magalini non sono comunque finite, perché in questo periodo dovranno essere recuperate tutte quelle prestazioni che sono rimaste in sospeso causa Covid. Inoltre, il direttore sanitario Denise Signorelli ha voluto mettere in luce anche il fatto che nell'ospedale di Villafranca siano stati predisposti dei percorsi di controllo per tutti i cittadini che sono guariti da Covid-19 ma che potrebbero avere dei problemi di saluti dovuto a degli effetti a lungo termine che sono connessi alla malattia ma che al momento sono ignoti. «Su questo e sugli aspetti di tipo riabilitativo, l'ospedale di Villafranca si sta specializzando fortemente e diventerà un punto nevralgico non solo per la provincia di Verona», ha dichiarato Signorelli.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Attività ordinarie in fase di riattivazione, il Magalini non è più ospedale Covid

VeronaSera è in caricamento