Tornelli automatici e biglietteria elettronica per la funicolare di Verona

La gestione è stata affidata per i prossimi 5 anni ad Agec che promette investimenti e manutenzioni, ma anche una nuova organizzazione ed un potenziamento dell'offerta

 

Per altri 5 anni la funicolare di Castel San Pietro sarà gestita da Agec. L'amministrazione comunale di Verona ha approvato un affidamento pluriennale, che consentirà investimenti e manutenzioni su lungo periodo oltre ad un'organizzazione ed un potenziamento dell'offerta in vista della ripresa del turismo post-Covid.
Tra le novità in programma l'inserimento di nuovi tornelli automatici e di una biglietteria elettronica per velocizzare il flusso turistico, così come il miglioramento dell'accesso per persone con disabilità. Ma anche la realizzazione di mostre ed eventi e l'attivazione di una collaborazione con l'università di Verona e gli studenti di lingue straniere.

La funicolare è una delle più gettonate attrazioni cittadine per la spettacolarità del panorama e la rapida ascesa a Castel San Pietro. Nel 2019, ultimo dato utile prima della pandemia, sono stati staccati ben 239mila biglietti.
L'affidamento ad Agec prevede l'accoglienza degli utenti, il servizio di biglietteria, la gestione del punto ristoro sul Colle, la manutenzione ordinaria e straordinaria dell'impianto. Ma anche piani di sviluppo e miglioramento del servizio. Proprio per questo i prezzi dei biglietti sono stati leggermente ritoccati, ma non per i residenti di Verona e provincia che continueranno a pagare i classici 2 euro per andata e ritorno. Per tutti gli altri, il ticket sarà di 2,50 euro per la doppia tratta. Per chi desidera invece solo scendere o salire a Castel San Pietro il biglietto diventerà di 1,50 euro. Riduzioni speciali per over 65 e gruppi superiori a 15 persone.
Il nuovo contratto prevede inoltre la possibilità di predisporre abbonamenti ad hoc per residenti o gruppi scolastici.

A illustrare il nuovo affidamento è stato l'assessore alla viabilità Luca Zanotto e il direttore generale di Agec Marco Peretti.
«In questo momento è fondamentale organizzare i servizi sul lungo periodo - ha detto Zanotto - La ripresa, infatti, sarà graduale e, con una gestione pluriennale, l’azienda avrà la possibilità di pianificare spese e manutenzioni, che così saranno a costo zero per il Comune. Per questo abbiamo deciso di riaffidare per la terza volta la gestione della funicolare ad Agec, che potrà potenziarne l’offerta. L’obiettivo è di migliorare continuamente il servizio, soprattutto adesso dopo un anno complicato e difficile, proprio per consentire la ripartenza al meglio. In considerazione del piano economico e finanziario, abbiamo pertanto deliberato un minimo ritocco tariffario che non influirà però sulle tasche dei veronesi».
«La durata quinquennale è un periodo congruo per affrontare con una certa serenità gli investimenti - ha aggiunto Peretti - Abbiamo già pensato all'introduzione di nuove automazioni per la biglietteria e i tornelli, così come ad un miglioramento dell’accesso disabili. Servizi più veloci ma anche una riduzione dei costi che ci consentirà di programmare una costante manutenzione dell’impianto. Inoltre, sono in programma la realizzazione di eventi e mostre, così come di una collaborazione con l'università di Verona per coinvolgere gli studenti in un percorso di accompagnamento dei turisti».

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento