rotate-mobile
Venerdì, 21 Giugno 2024

Il Comune di Verona con Tommasi: «Più vicino ai cittadini e con più servizi digitali»

La transizione digitale è stato il primo tema affrontato dal candidato sindaco in una serie di conversazioni organizzate per la campagna elettorale. Tema affrontato con la sottosegretaria Anna Ascani

Le sfide del futuro di Verona, tra digitalizzazione, Pnrr e "città di prossimità" sono i primi temi affrontati dal candidato sindaco Damiano Tommasi in questa campagna elettorale. Le forze che lo sostengono, unite in Rete, hanno organizzato due conversazioni ad ingresso libero per far confrontare Tommasi con diversi interlocutori. La prima si è svolta ieri, 4 maggio, e ha avuto come ospite Anna Ascani, sottosegretaria allo sviluppo economico con delega al digitale. La seconda sarà domani alla Pasticceria San Zeno, in Piazza Corrubio, e vedrà la partecipazione dell'europarlamentare Alessandra Moretti e del sindaco di Bergamo Giorgio Gori.

«Il Piano nazionale di ripresa e resilienza è un'occasione straordinaria per l'Italia anche per la transizione digitale - ha dichiarato la sottosegretaria Ascani - Ma non bastano i finanziamenti che provengono dai fondi europei, servono enti locali in grado di saperli intercettare. Verona potrebbe mettere in campo progetti a supporto dei cittadini e per potenziare le competenze digitali all'interno della pubblica amministrazione. Verona può diventare davvero una "smart city" e cioè una città in grado di mettere insieme diverse tecnologie a servizio della cittadinanza. Ma ci si deve credere fino in fondo e molto dipenderà dalla scelta che i cittadini faranno alle prossime elezioni».
Scelta che Anna Ascani spera ricada su Damiano Tommasi, il quale ritiene la transizione digitale un'esigenza anche per i meccanismi del Comune. «La digitalizzazione dell'amministrazione pubblica è un processo che Verona con fatica sta portando avanti - ha detto il candidato sindaco - Un processo che deve passare attraverso la formazione delle competenze delle persone che lavorano nella macchina amministrativa, in modo tale che i cittadini possano accedere ai servizi digitalizzati. Dobbiamo semplificare la vita dei cittadini e favorire il loro dialogo con l'amministrazione pubblica. La nostra idea di Verona è quella di una città vicina ai cittadini e in grado di creare un meccanismo di scambio intergenerazionale di competenze digitali, così che nessuno venga escluso dai servizi digitali. Servizi che nel frattempo devono essere implementati».

Video popolari

VeronaSera è in caricamento