Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid-19, Zaia: «Giornate cruciali. Salgono pazienti in terapia intensiva»

Il presidente del Veneto ha voluto ringraziare tutti i lavoratori della sanità. Ed anche quei medici di base che presto riceveranno i kit per eseguire i tamponi

«Alle 15.30 avremo una riunione con il Governo e immagino che ci verrà presentata la bozza del dpcm su cui ci dovremo esprimere entro sera». Lo ha anticipato oggi, 3 novembre, Luca Zaia durante il suo aggiornamento sull'emergenza coronavirus. Al massimo domani, dunque, il premier Giuseppe Conte dovrebbe varare nuove misure restrittive per ridurre i contatti tra i cittadini, puntando così a rompere la catena dei contagi.

Ma non è stato questo il tema principale delle comunicazioni di Zaia, il quale ha letto il bollettino delle 8 di questa mattina ed ha messo in luce la crescita in questi ultimi giorni dei pazienti Covid nelle terapie intensive. «Lo scenario non è dei migliori - ha commentato il presidente del Veneto - La contrazione delle prestazioni sanitarie è forte e la dotazione organica è sempre tirata. Adesso cerchiamo di chiudere un concorso per assumere nuovi infermieri che ci aiuterebbero a essere più performanti. Queste sono giornate impegnative, ci stiamo avvicinando alla fase più acuta e spero che la curva possa cominciare a scendere in questo mese di novembre».

Proprio l'impegno che queste giornate richiedono, il presidente regionale ha voluto ringraziare tutti i lavoratori della sanità veneta. Ed ha ringraziato anche i medici di base che in questa settimana riceveranno i kit per eseguire tamponi rapidi alla popolazione.

Infine, Zaia ha riferito delle novità anche sul plasma iper-immune che viene donato da chi è guarito da Covid-19 per curare i malati. «Noi stiamo andando avanti - ha detto il presidente del Veneto - Si è deciso di intercettare i potenziali donatori dopo la guarigione direttamente in ospedale. Le nostre emoteche sono rifornite e non abbiamo mai smesso di somministrare plasma iper-immune nelle condizioni ritenute ideali dai medici».

Si parla di

Video popolari

Covid-19, Zaia: «Giornate cruciali. Salgono pazienti in terapia intensiva»

VeronaSera è in caricamento