Zaia: «Un terzo dei ricoverati negli ospedali veneti sono pazienti Covid»

Ed il presidente regionale ha anche aggiunto: «Più del 30% delle terapie intensive sono occupate da pazienti Covid. Ogni 3mila contagi, 10 pazienti finiscono in terapia intensiva»

 

«Negli ospedali ci sono attualmente 6.979 pazienti ordinari e 3.094 pazienti Covid. Circa un terzo dei ricoverati del Veneto è dovuto al coronavirus. E più del 30% delle terapie intensive sono occupate da pazienti Covid». I dati sono stati riferiti questa mattina, 2 dicembre, dal presidente regionale Luca Zaia e si aggiungono a quelli del bollettino delle 8, letto sempre da Zaia nel suo aggiornamento quotidiano. Un aggiornamento in cui viene sempre mostrato il numero dei tamponi eseguiti ogni giorno («ne facciamo una valanga - ha detto Zaia - siamo la comunità che ne fa di più a livello internazionale in base agli abitanti»). E in più, Zaia ha anche dichiarato che anche il tracciamento dei contatti in Veneto funziona ed è capace di coprire l'85% dei contatti da tracciare. «I numeri tornano tutti - ha spiegato il presidente del Veneto - tranne quello dei ricoveri in ospedali che continueranno a crescere se continuiamo ad agevolare gli assembramenti. E ormai c'è una proporzione tra il numero dei contagi ed i pazienti Covid in terapia intensiva: ogni 3mila contagi, 10 cittadini finiscono in terapia intensiva».

Continua, infine, il confronto tra Regioni e Governo per i contenuti del prossimo dpcm, ma su questo argomento Zaia ha dichiarato di non avere novità.

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento