Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Zaia: «Piano di Sanità Pubblica quasi pronto. Sarà basato sui test»

Il presidente della Regione ha fatto il punto della situazione su Covid-19 in Veneto. «Il nostro piano non sarà ingessato, ma aperto alle novità»

«Al momento non c'è emergenza sanitaria negli ospedali veneti, ma si comincia a sentire un po' di pressione perché abbiamo 362 ricoverati, di cui 41 in terapia intensiva. Stiamo monitorando e stiamo aggiornando il Piano di Sanità Pubblica che avremo entro qualche giorno. Ed ai cittadini faccio un appello: usate le mascherine». Così il presidente della Regione Luca Zaia ha sintetizzato i temi da lui toccati oggi, 13 ottobre, nel periodico punto della situazione sull'emergenza coronavirus in Veneto.

Un punto della situazione iniziato, come al solito, dalla lettura del bollettino delle 8 di questa mattina, a cui Zaia ha aggiunto anche il dato sugli asintomatici: «Su 6.655 positivi in Veneto, solo 224 sono sintomatici - ha detto il presidente regionale - Significa che, attualmente, circa 97 positivi su 100 non hanno sintomi». Inoltre, è stato approfondito anche il dato sui pazienti in terapia intensiva. «Circa un terzo di loro - ha spiegato Zaia - è entrato in ospedale, finendo direttamente in terapia intensiva. Gli altri due terzi sono pazienti passati prima per le malattie infettive, le pneumologie e le terapie sub-intensive e che hanno avuto bisogno di cure più intensive. Vi posso comunque garantire che c'è preoccupazione. Una preoccupazione che però non è data da un'emergenza ospedaliera».

E di fronte ad una curva di crescita, ancora gestibile, dei contagi e dei ricoveri, la Regione Veneto punta sulla programmazione. «Nel giro di pochi giorni sarà concluso il nuovo Piano di Sanità Pubblica - ha annunciato Zaia - Sarà un piano anche ospedaliero e ho voluto che fosse basato su step, in modo tale da sapere quali misure far scattare a livello ospedaliero al superamento di determinate soglie. Ed ho chiesto che in questo piano fosse ancora di più incentivata la fase di testing. I test sono infatti fondamentali e sono il primo servizio che forniamo ai cittadini. E sono anche in evoluzione, per questo il piano dovrà essere molto ricettivo rispetto alle novità».

Infine, Zaia ha anche commentato l'ultimo decreto del presidente del consiglio Giuseppe Conte: «È stata accolta la mia richiesta per essere ancora più veloci nell'utilizzo di test innovativi e sono soddisfatto per la diminuzione dei giorni di quarantena, che finirà con un solo tampone e non più con il doppio. Però le nostre osservazioni al testo del decreto non sono state accolte e spero che vengano fatte delle modifiche. Noi chiedevamo un po' di buon senso e soprattutto un intervento per tutte quelle attività economiche che saranno penalizzate da queste norme. Io continuo a dire che dietro ad ogni provvedimento restrittivo nei confronti di alcune attività ci deve essere un provvedimento economico di sostegno a quelle attività».

Si parla di

Video popolari

Zaia: «Piano di Sanità Pubblica quasi pronto. Sarà basato sui test»

VeronaSera è in caricamento