rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Zaia: «Ci attrezziamo ad accogliere 50mila profughi ucraini. E sul Covid si passi a fase endemica»

Il presidente della Regione ha fornito dati che confermano la presenza del coronavirus, ma con una più bassa ospedalizzazione. E per le gestione di chi scappa dalla guerra è stata firmata una nuova ordinanza

Emergenza Covid-19 ed emergenza Ucraina. Su entrambe le questioni la Regione Veneto è impegnata ed questa mattina, 10 marzo, il presidente Luca Zaia ha fornito un nuovo aggiornamento dalla sede della protezione civile regionale di Marghera. E sugli argomenti riguardanti la sanità, Zaia è stato affiancato dalla dottoressa Francesca Russo, responsabile del servizio prevenzione della Regione.

Il coronavirus è stato il primo tema affrontato da Zaia con la lettura del bollettino: «Nelle ultime 24 ore sono risultati positivi al virus 4.613 tamponi su 69.920 test eseguiti, quindi i test positivi sono stati il 6,6%. Oggi, sono ricoverati per Covid-19 904 pazienti: sono 833 in area non critica e 71 in terapia intensiva. In terapia intensiva ci sono, inoltre, 319 pazienti non Covid. I vaccinati contro il Covid-19 sono l'89,4% dei veneti. L'indice di contagio (Rt) è 0,9. Il tasso di occupazione delle terapie intensive è del 4% e quello dell'area medica è dell'8%. L'incidenza settimanale è di 537,6 casi ogni 100mila abitanti».
Dati che il presidente del Veneto ha così commentato: «Il fatto che gli ospedali si stiano svuotando di pazienti Covid è rassicurante. Quindi il virus c'è, ma non ospedalizza. Spero che il 31 marzo, con la fine dello stato di emergenza per Covid, cessino anche tutte le restrizioni e quindi si passi dalla fase pandemica alla fase endemica. Che comunque vuol dire tenere sempre alta la guardia per non andarsi a cercare il virus».

Luca Zaia ha poi voltato pagina, aggiornando sull'Ucraina. «Attraverso i dati che abbiamo raccolto, i profughi ucraini registrati in Veneto sono stati 2.500, ma è un numero che cambia di ora in ora. La provincia che ne ha ricevuti di più è quella di Treviso, seguono Venezia e Vicenza. I tamponi eseguiti ai profughi ucraini sono stati 2.306. Quelli che hanno avuto esito positivi al coronavirus sono stati 47. Purtroppo il flusso migratorio continua a salire e noi ci stiamo attrezzando per accogliere anche 50mila persone. A tutti rilasciamo delle tessere sanitarie provvisorie per garantire copertura sanitaria. Ad oggi ne abbiamo rilasciate 862, di cui la metà a minori. Sull'offerta degli alloggi, ringrazio i veneti. Sono stati 2.592 quelli che hanno contattato il numero verde 800.990009 o hanno scritto un'e-mail a ucraina@regione.veneto.it ed hanno messo a disposizione 5.600 posti letto. E ringrazio anche coloro che hanno fatto una donazione al conto corrente che abbiamo aperto per l'emergenza Ucraina: i versamenti effettuati finora sono stati 1.893 per un totale di 291mila euro».
Infine, Zaia ha annunciato la firma su di un'ordinanza. «Un provvedimento complesso, con cui disegniamo degli scenari e quindi moduliamo l'accoglienza in base ai flussi - ha spiegato il presidente del Veneto - Inoltre, creeremo 26 centri in tutta la regione attraverso cui intercettare i profughi e fornire loro informazioni. Ed in questa ordinanza è incluso anche l'obbligo del tampone per i profughi e l'offerta di adesione volontaria alla campagna vaccinale anti-Covid. Tutto questo per ridurre il più possibile l'impatto di questi arrivi».

Video popolari

Zaia: «Ci attrezziamo ad accogliere 50mila profughi ucraini. E sul Covid si passi a fase endemica»

VeronaSera è in caricamento