rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Incoraggianti i primi risultati del vaccino anti-Covid a cui collabora Verona

I riscontri della prima fase della sperimentazione hanno indicato che il farmaco è sicuro ed induce nel corpo umano una robusta risposta immunitaria

Questa mattina, 5 gennaio, nella sala congressi dell'istituto Spallanzani di Roma, sono stati presentati i risultati della prima fase di sperimentazione del vaccino contro Covid-19 di Reithera. Una fase svolta in collaborazione con il centro ricerche cliniche dell'università di Verona e dell'Azienda ospedaliera universitaria integrata (Aoui) del capoluogo scaligero.
Alla presentazione hanno partecipato Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Antonella Folgori, presidente Reithera, Nicola Magrini, direttore generale di Aifa, e Giuseppe Ippolito, direttore Scientifico dello Spallanzani.

Il nome del candidato vaccino è GRAd-COV2 e la prima fase della sperimentazione si è svolta a Roma e a Verona. I primi riscontri ottenuti dai soggetti che si sono sottoposti alla somministrazione indicano una buona tolleranza al farmaco ed una pronta risposta immunitaria da parte del corpo umano. Quindi, il vaccino è sicuro ed efficace, e dunque si procederà con la seconda fase della sperimentazione.

«Sono incoraggianti i primi risultati del vaccino sviluppato da Reithera - ha commentato il Ministro della salute Roberto Speranza, presente alla presentazione - Se si confermeranno i dati ottenuti finora, avremo nei prossimi mesi un vaccino efficace e sicuro con una sola dose invece che con due dosi. Sarà prodotto interamente nel nostro Paese». Ed un altra qualità che renderebbe questo vaccino più facile da somministrare rispetto a quello attuale della Pfizer è la conservazione. L'attuale vaccino si deve conservare a -80 gradi centigradi, mentre quello di Reithera si potrà mantenere nei normali frigoriferi, che garantiscono una temperatura compresa tra i 2 e gli 8 gradi.

Sullo stesso argomento

Video popolari

Incoraggianti i primi risultati del vaccino anti-Covid a cui collabora Verona

VeronaSera è in caricamento