Attivazione dello Spid, tante richieste. Ampliato servizio del Comune di Verona

Oltre allo sportello attivo all'Urp, in Via Adigetto, ne è stato aperto un altro al Protocollo Informatico, al piano terra di Palazzo Barbieri

 

Lo Spid ha fatto il boom di richieste, tanto che il servizio sarà ampliato con un nuovo sportello e ulteriori orari. Nel primo mese di attivazione, dal 22 marzo, sono state 641 le richieste di appuntamento per l'attivazione dell'identità digitale, 426 le certificazioni effettuate. Le prenotazioni in agenda fino al 30 giungo superano già quota mille. Segno che l'apertura dello sportello dedicato è molto apprezzato dai cittadini, che hanno colto l'opportunità di usufruire del servizio di identificazione digitale offerto gratuitamente dal Comune e per il quale, diversamente, avrebbero dovuto rivolgersi ad altri operatori accreditati.

NUOVO SPORTELLO NUOVI ORARI

Per attivare lo Spid, allo sportello dell'Urp, in Via Adigetto, si aggiunge un nuovo sportello già operativo al Protocollo Informatico, al piano terra di Palazzo Barbieri. Potenziato anche l'orario di apertura del servizio, al quel si può accedere, previo appuntamento, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13, e il martedì e il giovedì anche nel pomeriggio, dalle 15 alle 17.

LO SPID

Lo Spid è un lasciapassare digitale unico per ottenere online i servizi erogati dalla pubblica amministrazione senza fare la coda agli sportelli, dal certificato dell'Inps al pagamento della Tasi o del bollo auto, di una multa o delle tasse dell’università statale. Ma anche la richiesta di una prestazione sanitaria e la consultazione del Cud. È la chiave di accesso via internet ai servizi erogati da Inps, Inail, Agenzia delle Entrate, Regioni e Comuni. Il tutto, appunto, con un codice unico che entro l'anno sarà obbligatorio per tutti gli enti pubblici.
Per attivare lo Spid è necessario avere compiuto 18 anni e far riconoscere la propria identità, online o in presenza, presso un soggetto autorizzato. Quindi basterà solo completare la richiesta di attivazione dello Spid da casa, collegandosi al portale di uno dei Gestori d’Identità. Ai Punti Spid del Comune di Verona, il cittadino deve presentare la tessera sanitaria, un documento di identità valido e fornire il numero di cellulare personale e un indirizzo e-mail personale. L’operatore incaricato verificherà l'identità del cittadino e, dopo la compilazione online della richiesta, consegnerà la prima parte del codice di attivazione dello Spid. La seconda parte sarà inviata all'indirizzo mail, insieme alle istruzioni per completare il pacchetto di attivazione.

«Lo scorso 22 marzo - ha commentato l'assessore Stefano Bianchini - il Comune di Verona è stato tra i primi venti Comuni italiani ad offrire questa opportunità, confermandosi città sempre più smart e al passo con le semplificazioni tecnologiche ed informatiche. Un nuovo servizio che ha immediatamente ottenuto una straordinaria risposta da parte della cittadinanza, con oltre 600 richieste di appuntamento in meno di un mese di attività. L'amministrazione ha quindi valutato, dopo questo primo periodo di sperimentazione, l’ampliamento del servizio, con un nuovo sportello e la possibilità di prenotazione anche il martedì e giovedì pomeriggio. Da settembre l'identità Spid sarà l'unica ammessa per ottenere online i servizi erogati dalla pubblica amministrazione. Il nostro obiettivo è supportare al meglio la cittadinanza, perché tutti lo possano acquisire con facilità e nel minor tempo possibile».

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento