Animalisti contro il Trentino bloccano corsia del casello di Verona Nord

Una manifestazione del boicottaggio organizzato contro il Trentino per la scelta di abbattere l'orsa che ha aggredito duo uomini sul Monte Peller

 

Ieri, 4 luglio, i militanti di Sinergia Animalista, gruppo formato da Fronte Animalista e da 100% Animalisti, hanno temporaneamente bloccato una corsia del casello di Verona Nord. I volontari hanno occupato la corsia, aprendo anche uno striscione con la scritta «Boicotta Trentino, terra insanguinata».

L'azione di protesta era volta a dissuadere gli automobilisti dal prendere l'autostrada A22 in direzione Nord e di condividere così il boicottaggio organizzato dal gruppo di animalisti nei confronti del Trentino. Alla base del boicottaggio, c'è la scelta del presidente trentino Maurizio Fugatti di abbattere l'orsa protagonista dell'aggressione a due uomini avvenuta sul Monte Peller. L'ordinanza di Fugatti non contemplerebbe la cattura, ma solo l'abbattimanto e per questo gli animalisti hanno cominciato una battaglia per spingere i turisti lontano dal Trentino. Una battaglia che ieri si è combattuta anche al casello di Verona Nord fino allo sgombero ordinato dagli agenti della polizia stradale.

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento