A Verona automobilisti incuranti alla manutenzione dell'auto

Il 78% tiene i fari sempre accesi, giorno e notte, ma attenzione ancora troppo scarsa allo stato freni e ammortizzatori. Proprio mentre, in Europa, si innalzano le misure di sicurezza a bordo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeronaSera

Luglio e siamo alle porte delle meritate vacanze. Gli italiani, il 63% per la precisione, viaggeranno soprattutto con le proprie automobili e sceglieranno come meta il Belpaese. Comodità, indipendenza e capienza: queste le motivazioni degli intervistati a prediligere l’auto ad altri mezzi di trasporto. L’automobile si conferma infatti sinonimo di indipendenza (79%) da ogni tipo di vincolo, un 58% degli italiani invece ritiene l’auto il mezzo in assoluto più comodo con cui viaggiare ed un 37% invece la sceglie per via dell’ampia possibilità di trasporto di bagagli al seguito.

AL VOLANTE - La sicurezza però passa anche da un corretto comportamento alla guida e dalla giusta manutenzione della propria automobile e gli scaligeri, a quanto pare, devono ancora migliorare parecchio. Ecco quanto traspare dall’ultima ricerca dell’Osservatorio Linear dei servizi, che alla vigilia del prossimo esodo estivo ha voluto interpellare i cittadini della provincia veneta a riguardo. I risultati: un 20% afferma di controllare l’impianto frenante senza tener conto di nessun criterio, un 14% si ricorda di intervenire sui freni solo dopo aver sentito strani rumori, un 9% si affida a consigli di amici e parenti mentre un altro 4% ammette addirittura di non controllarli mai. Non va meglio sotto l’aspetto della manutenzione degli ammortizzatori dell’auto dove un 32% afferma di non sapere quando e come controllarli.

Un dispositivo di sicurezza importantissimo quando si è al volante è quello dell’illuminazione, fondamentale per una corretta visibilità nonché per essere visibili a nostra volta dagli altri veicoli. Sotto questo versante gli scaligeri sembrano un po’ più attenti. 8 veronesi su 10  (78%) affermano infatti di accendere sempre le luci della propria auto quando sono alla guida, in città e fuori mentre un 22% degli automobilisti dichiara invece di accendere i fari solo di notte.

Sulla sicurezza e manutenzione i veronesi devono dunque compiere ancora passi in avanti. Da un lato infatti sono ben attenti al giusto utilizzo delle luci ma allo stesso tempo sono ancora carenti in tema di manutenzione della propria automobile. Di contro le ultime proposte in tema sicurezza in auto dell’UE vanno ad innalzare il livello di tecnologia utile a salvare preziose vite umane.

VITTIME DELLA STRADA - Cresce sempre più l’attenzione alla sicurezza sulle strade, dove lo scorso anno a livello europeo ci sono stati 28mila morti e 1,5 milioni di feriti (Dati UE). Da qui l’ultima proposta dell’Unione Europea, che vorrebbe rendere obbligatorio entro ottobre 2015 sulle auto il sistema eCall. Un nuovo dispositivo di chiamata automatica al numero di emergenza europeo 112, che in caso di incidente trasmette la collocazione del veicolo anche in caso di perdita di conoscenza del conducente. Il sistema entrerà in funzione automaticamente in caso di incidente insieme all'attivazione dell'airbag, eCall sarà compatibile e interoperabile in tutti i paesi Ue.

Torna su
VeronaSera è in caricamento