menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Iniziano i lavori per la nuova scuola materna di Vallese

Il sisma emiliano convinse l'amministrazione comunale a migliorare ulteriormente la struttura per contrastare simili cataclismi e ad indire una seconda gara d'appalto per la costruzione

I lavori per la realizzazione della nuova scuola materna di Vallese, già affidati tramite gara d’appalto all’ATI formata da La Primavera Costruzioni Srl di Vigasio e System Impianti Srl di San Martino Buon Albergo, avranno inizio nei prossimi giorni.

L’iter per la realizzazione della materna in realtà sembrava giunto ad una conclusione già nel mese di aprile, quando l’appalto è stato giudicato provvisoriamente ad un’impresa di Mazara del Vallo (TP). L’amministrazione, a seguito degli eventi sismici che hanno colpito in maggio una vasta area comprendente l’Emilia Romagna, la Lombardia ed anche il Veneto - con epicentro a qualche decina di chilometri da Oppeano -, e trattandosi di edificio destinato ad accogliere infanti, ha però ritenuto opportuno portare la classe sismica della struttura dalla classe a norma terza strategica alla classe seconda. L’intenzione era infatti di migliorare la tenuta in caso di terremoto e garantire così ulteriore sicurezza agli alunni. Per far questo si è provveduto a revocare l’appalto e a chiedere al professionista incaricato l’aggiornamento del progetto definitivo-esecutivo dell’asilo; dopodiché si è potuto procedere ad indire la nuova gara vinta dalla sopracitata ATI.

Questa sera alle ore 21, qualche giorno prima dell’apertura del cantiere, il Sindaco On. Alessandro Montagnoli invita i genitori dei bambini che attualmente frequentano l’asilo “Arcobaleno” alla serata di illustrazione del progetto. All’incontro presenzieranno gli amministratori comunali, il parroco di Vallese don Gianni Gennaro e il progettista arch. Dino Josè Rancan. Gli stessi saranno a disposizione per eventuali domande e chiarimenti.

L’asilo sorgerà a Vallese su un’area da 6.100 metri quadrati in via Pietro Mascagni nelle vicinanze della Casetta delle Associazioni e la spesa prevista è di 2.807.100 euro.

“Con questa importante scelta l’Amministrazione Comunale di Oppeano intende andare incontro alle esigenze dei residenti della frazione - spiega il Sindaco On. Alessandro Montagnoli -. La nuova scuola da 2.000 metri quadrati su un unico piano potrà infatti ospitare fino a 180 bambini di età compresa tra i 3 e 6 anni”.

Nel dettaglio il progetto prevede la realizzazione di una struttura coperta con sei stanze da 30 alunni, con aule affacciate simmetricamente su un corridoio centrale. In ogni stanza è prevista una vetrata interna che permetterà ai bambini di intravedere lo spazio esterno e allo stesso tempo il controllo simultaneo di due ambienti da parte della stessa insegnante.

Inoltre nella scuola saranno realizzati una sala polifunzionale per le attività ludiche e le riunioni, spazi di servizio ed una sala mensa dotata di cucina. All’interno della struttura troveranno altresì spazio un giardino “estivo” e ad uno “invernale” semipavimentato, che potranno essere utilizzati dai piccoli per proseguire l’attività scolastica a contatto con la natura. In linea con le scelte ecologiche effettuate per altri plessi scolastici, l’amministrazione prevede di installare sul tetto pannelli solari per la creazione di energia e di realizzare parti dell’edificio in legno e con materiali eco-compatibili. Il nuovo edificio è stato concepito altresì per supportare in futuro un eventuale ampliamento con l’aggiunta di un’altra sezione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento