menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Patto di Stabilità blocca i fondi per i lavori, sulla provinciale 44/a bisogna andare a 50 km/h

La strada, in precarie condizioni, rischia di essere pericolosa. L'assessorato ha quindi deciso il nuovo limite di velocità, non potendo stanziare soldi per la manutenzione a causa dei limiti di legge

Il settore Viabilità della Provincia di Verona comunica l'istituzione del limite massimo di velocità in 50 km/h sulla strada provinciale n. 44/a “del Vallese”, in tratto ricadente nel comune di Oppeano. Entro una settimana saranno posizionati i 4 segnali stradali necessari per indicare tale limite che, da allora, entrerà in vigore. Il provvedimento si rende necessario per garantire maggiore sicurezza all'utenza stradale, in considerazione delle precarie condizioni del tratto stradale in oggetto.

LE DICHIARAZIONI - L'assessore alla Manutenzione e Progettazione viabilistica, Carla De Beni, ha così commentato: “La sicurezza dei cittadini è da sempre la mia priorità e farò tutto il necessario per garantirla. Ecco perché abbiamo ritenuto necessario adottare il provvedimento odierno su una strada che versa in condizioni non buone. Dovendo rispettare il Patto di Stabilità, non posso al momento stanziare i soldi per la manutenzione e la bitumatura della strada in questione. Non ci mancano i fondi, ci sono piuttosto i pesanti vincoli di legge ad utilizzarli. Cercherò di fare di tutto affinchè si trovi una soluzione tecnica adeguata. Per ora, quindi, date le precarie condizioni del tratto, non ci resta che abbassare il limite di velocità a 50 km/h. E' la soluzione migliore per salvaguardare i cittadini e non esporli ad eventuali rischi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento