menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Corsie preferenziali e ZTL: l'amministrazione Tosi risponde

Dopo la contestazione per i rilevamenti elettronici al di fuori delle zone a traffico limitato, il sindaco ha risposto con una nota che evidenzia le disposizioni ministeriali a riguardo

L'amministrazione scaligera torna a parlare del caso delle violazioni stradali registrate dalle telecamere di sicurezza del traffico, e lo fa portando al suo arco diverse frecce firmate dal Ministero: "Non è vero - scrive in una nota il sindaco Flavio Tosi - che le telecamere possono rilevare le infrazioni solo all’interno della ZTL: possono rilevarle anche al di fuori della ZTL purchè per tali rilevazioni e le conseguenti sanzioni vengano utilizzati dispositivi elettronici omologati dal Ministero delle Infrastrutture (e quelli del Comune di Verona lo sono): diversamente dalla ZTL (per la quale l’amministrazione chiese ed ottenne regolare autorizzazione nel 2005), per l’impiego nelle corsie preferenziali riservate non è necessaria alcuna autorizzazione ministeriale. Le corsie riservate, pertanto – come accade in molte altre situazioni in Italia (Milano per esempio) e all’estero – possono essere protette da dispositivi elettronici omologati senza bisogno di ottenere alcuna autorizzazione all’esercizio".

LE DISPOSIZIONI - Una circolare del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti del 29 aprile 2009 afferma che:

  1.  La contestazione immediata della violazione non è necessaria nel caso in cui la rilevazione della circolazione sulle corsie riservate avvenga mediante rilievo con apparecchiature debitamente omologate. Tale disciplina è applicabile a tutte le corsie preferenziali, anche a quelle che non immettano in Z.T.L.
  2. L’omologazione dei dispositivi per la rilevazione automatica dei transiti in Z.T.L. è pertanto valida ai fini della rilevazione automatica dei transiti in corsie riservate.
  3. Non occorre alcuna autorizzazione per l’installazione e l’esercizio di impianti per la rilevazione della circolazione sulle corsie riservate, salvo il caso in cui il controllo della corsia sia posto in corrispondenza del perimetro di una zona a traffico limitato. Solo in questo caso, poichè si tratta di un accesso alla Z.T.L., ancorché questo avvenga tramite una corsia riservata, è necessaria l’autorizzazione di questo Ministero. È evidente, peraltro, che, ove ne ricorrano le condizioni, potrà essere contestata sia la violazione all’accesso alla Z.T.L. che il divieto di transito su corsia preferenziale, ai sensi dell’art. 7, comma 14 del C.d.S.

NESSUNA IRREGOLARITA' - "Quindi - continua la nota dell'amministrazione scaligera - a Verona, tutto regolare: l’installazione dei varchi elettronici e il successivo uso sanzionatorio sono azioni già previste dal Ministero delle Infrastrutture che in diverse occasioni si è espresso nel merito. L’amministrazione comunale farà quindi ricorso in Cassazione. Rimangono, però, alcune considerazioni da fare: com’è possibile che nel nostro Paese l’uso di immagini delle telecamere, anche private e non omologate, sia – giustamente – consentito per indagare e arrestare, anche a distanza di tempo, autori di reati nonostante non fossero presenti, al momento dell’effettuazione dei reati stessi, pubblici ufficiali in grado di intervenire e contestarli, mentre qualche magistrato possa ritenere che non sia possibile invece usare immagini di telecamere pubbliche omologate per rilevare e sanzionare violazioni palesemente compiute, accertate e documentate da prove televisive inconfutabili solo perché non è presente un agente della polizia municipale? Allora - attacca il sindaco Tosi - a che servirebbe la tecnologia se dovessi mettere tre vigili urbani al giorno a controllare le corsie preferenziali?"

CORSIE PREFERENZIALI - "Infine - conclude il primo cittadino - tutti sanno che le strisce gialle (dentro o fuori la ZTL che siano) delimitano uno spazio stradale consentito al transito solo dei mezzi autorizzati, soprattutto a tutela della velocità commerciale dei mezzi di pubblico trasporto: l’essenziale è che il motociclista del caso vi sia transitato anche se non lo poteva fare e non il modo, peraltro legale, con cui è stato sanzionato. Un altro piccolo caso, non certo suscettibile di interpretazioni politiche di parte, che dimostra l’inutile cavillosità dei meccanismi del nostro sistema giuridico, senza voler per questo criticare i magistrati chiamati ad applicarlo e di quanto sia indifferibile una riforma. Non è possibile che per qualche contravvenzione stradale il contenzioso giuridico porti a tre gradi di giudizio, fino alla Cassazione. Qualcuno - chiude la nota - faccia i conti dello spreco di tempo, lavoro, energie e risorse richieste da questo caso in cui le violazioni sono palesi e documentate da immagini".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Verona usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento