Il Comune di Verona è sempre più informatizzato: stipulato oggi il primo contratto digitale

Il documento riguarda l’affidamento alla Fondazione Pia Opera Ciccarelli onlus del centro servizi di primo e secondo livello assistenziale “Casa Serena” e del centro diurno per persone anziane non autosufficienti “Achille Forti”

È stato rogato questa mattina a Palazzo Barbieri il primo contratto in forma pubblica amministrativa in modalità elettronica. Il contratto, riguardante l’affidamento in concessione amministrativa da parte del Comune di Verona alla Fondazione Pia Opera Ciccarelli onlus della gestione globale del centro servizi di primo e secondo livello assistenziale “Casa Serena” e del centro diurno per persone anziane non autosufficienti “Achille Forti” per il periodo 1 gennaio 2013 – 31 dicembre 2024, è stato letto alle parti dal segretario generale Cristina Pratizzoli, in qualità di ufficiale rogante, direttamente dal supporto elettronico senza l’utilizzo del cartaceo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL PROCEDIMENTO - Le parti ed il segretario generale hanno sottoscritto con la firma digitale il contratto, il cui orario di conclusione è stato attestato dalla marcatura temporale. Il contratto è stato quindi registrato e conservato in modalità informatica e i tributi dovuti per la registrazione sono stati versati in tempo reale con procedura informatizzata all’Agenzia delle Entrate. La stipula in modalità elettronica, introdotta dal Decreto Sviluppo Bis nell'ambito della riforma digitale della Pubblica Amministrazione, è obbligatoria dal 1° gennaio 2013 per i contratti pubblici relativi a concessioni e appalti (per i quali è previsto l'atto pubblico notarile o la forma pubblica amministrativa con l'intervento dell'ufficiale rogante pubblico, che nel caso del Comune di Verona è il segretario generale), pena la nullità del contratto stesso. La nuova procedura elettronica consente di stipulare gli atti anche fuori dalla sede comunale, con significativi risparmi di tempo e di spese di trasferta, con lo stesso livello di sicurezza garantito dalla stipula nella tradizionale forma cartacea.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus: 11 nuovi casi in Veneto e l'ospedale di Borgo Trento torna ad avere ricoverati

  • Coronavirus, crescono contagi a Verona. Una nuova vittima in Veneto

  • L'Aifa autorizza la sperimentazione sul vaccino anti Covid-19: si farà a Verona

  • Ancora un violento temporale e forte vento nella notte su Verona e provincia

  • Temporali in arrivo dopo il gran caldo: stato di attenzione in Veneto fino a martedì

  • Scontro tra auto e bici a Verona, 40enne in rianimazione: si cercano testimoni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento