Volley Stadio / Piazzale Atleti Azzurri D'Italia

Dopo Mozic, ecco Lorenzo Cortesia e tante conferme per il Verona Volley

I gialloblù si rafforzano con l'ex centrale dell'Itas Trentino e si tengono stretti Spirito, Bonami, Aguenier, Asparuhov, Magalini, i veronesi doc Zanotti e Donati ed il fresco campione dell'European Volleyball Silver League Mads Jensen

Dopo aver annunciato l'arrivo del talento sloveno Rok Mozic, Verona Volley comunica un altro nuovo arrivo per la prossima stagione. Per rinforzare il reparto dei centrali, il club gialloblù ha messo sotto contratto Lorenzo Cortesia.

L'atleta è nato a Treviso nel luglio '99 ed ha disputato la scorsa stagione in Italia con la maglia dell'Itas Trentino. Cortesia ha giocato con la maglia azzurra nelle squadre Under 19, Under 20 e Under 21 e con la Nazionale maggiore ha partecipato all'ultima Volley Nations League. Non è nella squadra olimpica di volley, ma a settembre dovrebbe tornare in azzurro per gli Europei.

«Sono contento di essere a Verona per questa stagione, è una società neonata che porta tanto entusiasmo, sento che è la piazza giusta per me perché anche io voglio portare determinazione e grinta - ha dichiarato Cortesia - Non vedo l'ora di conoscere i miei compagni e lo staff e poter lavorare insieme. Voglio anche salutare i tifosi, presto conoscerò anche loro e la città. Raggiungerò il mio compagno di Nazionale in Nations League Luca Spirito, con lui ho trovato un ottimo feeling durante la competizione, sono contento di giocare con lui».

Il palleggiatore Luca Spirito fa parte del gruppo di giocatori che continueranno a vestire la maglia gialloblù. Gli altri atleti confermati dalla scorsa stagione sono Federico Bonami, Jonas Aguenier, Asparuh Asparuhov, Giulio Magalini, i veronesi doc Andrea Zanotti e Francesco Donati ed il fresco campione dell'European Volleyball Silver League con la Danimarca Mads Jensen.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo Mozic, ecco Lorenzo Cortesia e tante conferme per il Verona Volley

VeronaSera è in caricamento